Ucraina Russia, le ultime notizie di oggi 15 aprile sulla guerra di Putin. DIRETTA | Sky TG24

Guerra Ucraina Russia, Kiev: "In 24 ore Zaporizhzhia colpita dai russi 400 volte"

©Getty

Una donna è rimasta uccisa nel distretto di Vasilievskij, ha reso noto su Telegram il governatore Ivan Fedorov. È di almeno quattro morti e 16 feriti il bilancio degli attacchi di ieri su cinque regioni dell'Ucraina. Kiev ammette che la situazione è "tesa" sul fronte orientale, con un esercito russo "in superiorità numerica". Gli aiuti militari all'Ucraina sono limitati, mentre Mosca continua ad avere accesso a "componenti critici necessari per produrre missili e droni", denuncia Zelensky

LIVE

Medioriente, Cremlino: "Moderazione, escalation non giova a nessuno"

Dopo l'attacco dell'Iran a Israele, il Cremlino ha invitato tutti i Paesi del Medio Oriente alla moderazione e fatto notare che "un'ulteriore escalation non giova a nessuna delle due parti".

Borrell: "La guerra in Russia è una minaccia esistenziale per l'Ue"

"Con la guerra che la Russia sta conducendo contro l'Ucraina abbiamo visto un ritorno di rivalità territoriali e un uso della forza militare violenta in Europa che avevamo intellettualmente respinto. In un momento in cui il coinvolgimento americano in Europa sta diventando meno certo, questa guerra rappresenta una minaccia esistenziale per l'Ue". Lo afferma l'alto rappresentate dell'Unione europea per gli Affari esteri e la politica di sicurezza Josep Borrell, in un post pubblicato sul sito web del Servizio europeo per l'azione esterna (Eeas) in occasione dell'uscita del suo nuovo libro 'L'Europa tra due guerre'. "Se Putin riuscirà a distruggere l'indipendenza dell'Ucraina, non si fermerà qui. Se prevarrà, nonostante il chiaro sostegno all'Ucraina da parte degli europei e dell'opinione pubblica statunitense, ciò invierà un segnale pericoloso sulla nostra capacità di difendere ciò in cui crediamo", aggiunge Borrell osservando che l'Ue si trova di fronte alla necessità di cambiare l'intero paradigma della difesa europea. "Dobbiamo assumerci la nostra responsabilità strategica e diventare capaci di difendere l'Europa da soli, costruendo un forte pilastro europeo all'interno della Nato. E dobbiamo fare questo salto in avanti in un periodo di tempo molto breve. Non perché intendiamo andare in guerra. Al contrario: vogliamo prevenirlo avendo i mezzi per scoraggiare in modo credibile qualsiasi aggressore", sottolinea l'alto rappresentante Ue. "Abbiamo bisogno urgentemente anche di un balzo in avanti per la nostra industria della difesa. Dall'inizio della guerra contro l'Ucraina, gli eserciti europei hanno acquistato il 78% dei nuovi equipaggiamenti da paesi extra-Ue. Abbiamo fatto importanti progressi negli ultimi mesi, ma abbiamo ancora difficoltà a inviare munizioni sufficienti per sostenere l'Ucraina. Inoltre - conclude Borrell -, dobbiamo affrontare sfide qualitative significative nelle nuove tecnologie militari come i droni o l'intelligenza artificiale".

Macron: "Chiederò aiuto a Xi per una tregua olimpica"

La Francia "farà di tutto per avere una tregua olimpica" durante i Giochi di Parigi. Lo ha dette il presidente Emmanuel Macron in un'intervista a Bfm Tv e Rmc, annunciando che ci lavorerà con il presidente cinese Xi Jinping. "Gli ho chiesto di aiutarmi", ha aggiunto, confermando che Xi sarà a Parigi "tra qualche settimana". Secondo fonti diplomatiche, il leader cinese è atteso in Francia all'inizio di maggio.

Borrell: "Il mondo contro l'Occidente, agire rispettando valori"

"Dobbiamo agire con decisione nei prossimi mesi per impedire il consolidamento di un'alleanza del 'resto del mondo contro l'Occidente', anche come conseguenza del conflitto in Medio Oriente. Per contrastare efficacemente questa minaccia, dobbiamo rimanere fedeli ai nostri principi. Ovunque. Non solo a parole, ma anche usando i nostri strumenti quando questi principi vengono violati: la fermezza che abbiamo dimostrato in Ucraina dovrebbe guidarci in qualsiasi altra parte del mondo". Lo scrive l'alto rappresentante Ue Josep Borrell nel suo blog. "Di fronte a decine di migliaia di morti, soprattutto donne e bambini, e a 2 milioni di persone che muoiono di fame, non siamo stati in grado finora di fermare i combattimenti a Gaza, di porre fine al disastro umanitario, di liberare gli ostaggi e di iniziare ad attuare efficacemente la soluzione dei due Stati, l'unico modo per portare una pace sostenibile nella regione", avverte Borrell. "La nostra limitata influenza su questo conflitto, che ha un impatto così diretto sul nostro futuro, non è dovuta alla mancanza di mezzi. Siamo il principale partner di Israele in termini di commercio, investimenti e scambi di persone e il nostro accordo di associazione con questo Paese è il più completo di tutti. Siamo anche il principale sostenitore finanziario internazionale del popolo palestinese. Ma finora siamo stati piuttosto inefficienti perché, come Unione - vincolata dall'unanimità - eravamo divisi".

Macron vuole tregua Olimpica guerre, chiederà aiuto a Cina

Il presidente francese, Emmanuel Macron, ha detto di puntare a una tregua olimpica, durante i Giochi di Parigi, tanto per la guerra tra Russia e Ucraina che per quella tra Israele e Hamas.
"Lavoreremo alla tregua olimpica", ha detto, annunciando che chiederà al presidente cinese, Xi Jinping, che incontrerà a breve di "aiutarlo" sulla questione.

Kiev: "In 24 ore Zaporizhzhia colpita dai russi 400 volte"

"Durante le ultime 24 ore, l'esercito russo ha colpito la regione sud-orientale di Zaporizhzhia per 400 volte, una donna è rimasta uccisa nel distretto di Vasilievskij", ha reso noto su Telegram il governatore Ivan Fedorov, citato da Ukrainska Pravda. "In totale, i russi in una sola giornata hanno colpito la regione di Zaporozhzhia 400 volte. Sette località sono finite sotto il fuoco nemico: in particolare Gulyaypole, Levadnoye, Robotino, Malaya Tokmachka, Malinovka e Novoandreevka.

Kiev: 454.420 soldati russi morti dall'inizio della guerra

La Russia ha perso 454.420 soldati in Ucraina dall’inizio della guerra, il 24 febbraio 2022. Lo ha riferito lo stato maggiore delle forze armate ucraine. Questo numero include 770 vittime subite dalle forze russe nell'ultimo giorno.
Secondo il rapporto , la Russia ha perso anche 7.180 carri armati, 13.796 veicoli corazzati da combattimento, 15.510 veicoli e serbatoi di carburante, 11.593 sistemi di artiglieria, 1.046 sistemi di razzi a lancio multiplo, 758 sistemi di difesa aerea, 347 aerei, 325 elicotteri, 9.266 droni, 26 imbarcazioni e un sottomarino.

Isw: attacchi dell'Iran a Israele sul modello russo contro Kiev

L'attacco iraniano contro Israele è stato modellato su quelli che i russi usano a ripetizione contro l'Ucraina con grande efficacia, ma i danni a Israele sono stati più limitati del previsto, probabilmente perché gli iraniani hanno sottovalutato le enormi capacità di difesa del Paese rispetto a Kiev: Teheran imparerà la lezione e lavorerà per migliorare la capacità di penetrare le difese israeliane, come hanno fatto i russi. Lo scrivono gli analisti del Think tank americano Isw (The Institutte for the study of war). I droni iraniani sono stati lanciati molto prima dei missili balistici, probabilmente con l'aspettativa che arrivassero nella finestra di difesa aerea di Israele più o meno nello stesso momento dei missili da crociera. Anche i russi hanno utilizzato più volte questo approccio contro l'Ucraina. Lo scopo è quello di fare in modo che i missili da crociera e i droni più lenti distraggano e superino le difese aeree per consentire ai missili balistici, che sono molto più difficili da abbattere, di raggiungere i loro obiettivi. Gli iraniani - commenta l'Isw, molto probabilmente si aspettavano che pochi, se non nessuno, dei missili da crociera e dei droni avrebbero colpito i loro obiettivi, ma probabilmente speravano che una percentuale significativamente più alta di missili balistici lo facesse. In realtà solo pochi missili balistici sono penetrati nelle difese aeree israeliane e hanno colpito vicino alle basi militari israeliane, dei circa 120 lanciati dagli iraniani. "Le difese aeree ucraine hanno registrato tassi di intercettazione medi pari solo al 46% circa dei missili balistici russi durante i recenti attacchi di grandi dimensioni. Gli iraniani probabilmente si aspettavano che i tassi israeliani sarebbero stati più alti di quelli ucraini ma non superiori al 90% contro una salva di missili balistici così grande: i russi non hanno mai lanciato così tanti grandi missili balistici in un singolo attacco contro l'Ucraina", si legge sul sito del think tank. L'Ucraina intercetta spesso più del 75% dei missili da crociera e dei droni russi, ma molte di queste intercettazioni avvengono all'interno dell'ombrello della difesa aerea che si occupa anche della difesa dai missili balistici. Gli iraniani quindi probabilmente si aspettavano che almeno alcuni dei loro droni e missili da crociera avrebbero interferito con il targeting israeliano dei missili balistici in arrivo. "La capacità dell'Iran di penetrare le difese aeree israeliane anche con un piccolo numero di grandi missili balistici presenta seri problemi di sicurezza per Israele", dice l'Isw.

Zelensky: Russia continua ricevere componenti per armi

Gli aiuti militari a Kiev sono limitati, mentre Mosca continua ad avere accesso a "componenti critici necessari per produrre missili e droni": lo ha affermato ieri sera il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. "Ogni missile che punta all'Ucraina contiene almeno decine di componenti elettronici e chip forniti da aziende di altri paesi e importati attraverso il territorio dei vicini della Russia", ha detto Zelensky nel suo quotidiano discorso al Paese pubblicato sul sito web della presidenza di Kiev. "Tutto ciò deve e può essere fermato, inclusa la tolleranza del terrore, la capacità dei terroristi di cercare alleati in tutto il mondo e lo stesso terrorismo russo, in tutte le sue manifestazioni", ha sottolineato il presidente ucraino. Zelensky ha aggiunto che il fatto che "le sanzioni contro la Russia vengono ancora aggirate" e che Kiev aspetta da mesi l'aiuto militare degli Stati Uniti "dimostra che anche la fiducia dei terroristi è in aumento da mesi". 

Ucraina: esplosioni a Dnipro, allarme in diverse regioni

L'allarme antiaereo è scattato questa notte in diverse regioni dell'Ucraina. Lo riferisce l'Aeronautica militare di Kiev, citata da media locali che riferiscono anche di esplosioni nella città di Dnipro. 

Ucraina, Borrell: guerra Russia è minaccia esistenziale per Ue

"Con la guerra che la Russia sta conducendo contro l'Ucraina abbiamo visto un ritorno di rivalità territoriali e un uso della forza militare violenta in Europa che avevamo intellettualmente respinto. In un momento in cui il coinvolgimento americano in Europa sta diventando meno certo, questa guerra rappresenta una minaccia esistenziale per l'Ue". Lo afferma l'alto rappresentate dell'Unione europea per gli Affari esteri e la politica di sicurezza Josep Borrell, in un post pubblicato sul sito web del Servizio europeo per l'azione esterna (Eeas) in occasione dell'uscita del suo nuovo libro 'L'Europa tra due guerre'. "Se Putin riuscirà a distruggere l'indipendenza dell'Ucraina, non si fermerà qui. Se prevarrà, nonostante il chiaro sostegno all'Ucraina da parte degli europei e dell'opinione pubblica statunitense, ciò invierà un segnale pericoloso sulla nostra capacità di difendere ciò in cui crediamo", aggiunge Borrell osservando che l'Ue si trova di fronte alla necessità di cambiare l'intero paradigma della difesa europea. 

Mondo: I più letti