Sofia di Grecia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Sofia di Grecia
La regina Sofia nel 2009
Regina consorte di Spagna
Stemma
Stemma
In carica22 novembre 1975 –
19 giugno 2014
(38 anni e 209 giorni)
PredecessoreVittoria Eugenia di Battenberg
SuccessoreLetizia Ortiz
Nome completogreco moderno: Sofìa Margarìta Viktōrìa Friderìkī
italiano: Sofia Margherita Vittoria Federica
TrattamentoSua Maestà
Altri titolisi veda sezione
NascitaPalazzo di Psichiko,[1] Regno di Grecia, 2 novembre 1938 (85 anni)
Casa realeSchleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg per nascita
Borbone di Spagna per matrimonio
PadrePaolo di Grecia
MadreFederica di Hannover
Consorte diJuan Carlos I di Spagna
FigliElena
Cristina
Filippo VI
ReligioneOrtodossia greca
(fino al 1962)
Cattolicesimo romano
(dal 1962)
Firma
Sofia di Grecia
La regina Sofia nel 2008

Presidentessa della Fundacíon Reina Sofía
In carica
Inizio mandato17 maggio 1977
PredecessoreCarica istituita

Dati generali
Prefisso onorificoSua Maestà
UniversitàUniversità Nazionale Capodistriana di Atene
Fitzwilliam College
Università autonoma di Madrid
FirmaFirma di Sofia di Grecia

Sofia di Grecia (nome completo in greco moderno: Σοφία Μαργαρίτα Βικτωρία Φρειδερίκη της Ελλάδας; traslitterato: Sofìa Margarìta Viktōrìa Friderìkī tīs Ellàdas; Psichiko, 2 novembre 1938) è stata regina consorte di Spagna dal 1975 al 2014, come moglie di Juan Carlos I.

È la consorte reale spagnola con il regno più lungo.[2]

La principessa Sofia tra le braccia della nonna Vittoria Luisa con la madre Federica alle spalle, 1939

Sofia di Grecia e Danimarca nacque nel 1938 a Villa Psichiko, figlia primogenita del principe ereditario Paolo e di Federica di Hannover.[3] Avrebbe dovuto chiamarsi "Olga", ma alla fine le venne dato il nome della nonna paterna, Sofia di Prussia.[2]

Venne battezzata nella fede greco-ortodossa il 9 gennaio 1939, al palazzo reale di Atene.[3] Ebbe come madrine Alessandrina di Meclemburgo-Schwerin, Elena del Montenegro, Elisabetta del Regno Unito, Irene di Grecia e come padrino Giorgio II.[3]

Infanzia ed educazione

[modifica | modifica wikitesto]

Dall'aprile del 1941, a causa dell'invasione italiana della Grecia, trascorse la sua infanzia in esilio, prima in Egitto e poi in Sudafrica, per tornare in patria nel 1946.[3]

La principessa Sofia nel 1961

Ad Alessandria frequentò l'El Nasr Girls' College[3] e ad Atene ricevette lezioni private per poi entrare in una scuola inglese.[4] Nel 1952 venne mandata alla Schule Schloss Salem allo scopo di espandere le sue conoscenze linguistiche.[4][5] Lasciò la Germania nel 1955 e a 18 anni fece ritorno ad Atene, per lavorare come infermiera infantile all'Ospedale Mitera per i successivi due anni.[5][6] Nello stesso periodo studiò belle arti, archeologia e musica e completò la sua formazione in puericultura.[5][7]

Nel 1960 fu un membro di riserva nella squadra di vela della Grecia alle Olimpiadi di Roma, facendo parte della classe Dragone.[3] Proseguì gli studi al Fitzwilliam College dell'Università di Cambridge e, dopo il matrimonio, studiò discipline umanistiche all'Università autonoma di Madrid dal 1973 al 1977.[7] Parla fluentemente in greco, francese, inglese, spagnolo e tedesco.[7]

Juan Carlos e Sofia alla West Wing della Casa Bianca, con Antonio Garrigues y Díaz-Cañabate, Dave Powers e Angier Biddle Duke, 1962

Durante l'adolescenza dei figli, la madre di Sofia si impegnò nel cercare per loro dei potenziali coniugi che fossero dello stesso rango, rifiutando l'idea di matrimoni ineguali.[8][9] Cercò, senza successo, di fidanzare Sofia ad Harald di Norvegia, per poi favorire il suo primo incontro con Juan Carlos di Borbone-Spagna.[10] In ogni caso, Sofia dichiarò che si sarebbe sposata solo per amore.[11]

Sofia e Juan Carlos si conobbero nell'estate del 1954 a bordo del panfilo Agamennon, nella crociera dei re organizzata dalla regina Federica.[11][12] Si rincontrarono nel 1958, alle nozze tra Antonio di Borbone-Due Sicilie ed Elisabetta di Württemberg, e nell'estate del 1960 ad Altshausen, al matrimonio di Carlo di Württemberg e Diana d'Orléans, e a Roma, sede delle Olimpiadi.[11][12]

Nel 1961 si rividero alle nozze di Edward di Kent con Katharine Worsley.[11][12] Il fidanzamento ufficiale fu annunciato il 13 settembre nella villa di Losanna della regina Vittoria Eugenia.[12] La coppia incontrò la stampa svizzera e 21 colpi di cannone furono sparati dal Licabetto per annunciare l'unione ai greci.[12]

La principessa Irene tra i due sposi durante il rito nuziale cattolico

Il 14 maggio del 1962 si sposarono ad Atene con rito cattolico nella Cattedrale di San Dionigi l'Areopagita, rito civile nel palazzo reale e rito greco-ortodosso presso la Cattedrale metropolitana.[3][12]

Il matrimonio fu un evento grandioso nell'Atene postbellica, che per l'occasione arrivò a ospitare oltre 150 membri delle famiglie reali d'Europa.[13] Le damigelle della sposa furono Alexandra di Kent, Anna d'Orléans, Anna Maria e Benedetta di Danimarca, la sorella Irene e Irene di Orange-Nassau, la cognata Pilar di Borbone-Spagna e Tatiana Radziwiłł.[13] Sua madre le fece avere una dote molto ricca, minando al rapporto tra la casa reale e il Parlamento.[14][15][16]

Con il matrimonio, Sofia abbracciò la religione del marito, rinunciando a far parte della successione al trono greco e cambiando la grafia del suo nome dal greco "Sophia" allo spagnolo "Sofía".[17] Nello stesso anno divenne la prima donna a ricevere la Gran Croce dell'Ordine di Carlo III e nel marzo 1963 si stabilì con il marito al palazzo della Zarzuela.[18][19]

Provò a riprendere il lavoro di infermiera, ma la cosa fu malvista e non le venne permesso.[19] Nel 1971 acquisì la presidenza onoraria del Comitato Spagnolo dell'UNICEF.[20]

Regina di Spagna

[modifica | modifica wikitesto]

Anni settanta

[modifica | modifica wikitesto]
La regina con Betty Ford nel 1976

Nel 1975 salì al trono spagnolo al fianco del marito, acquisendo da allora popolarità per il ruolo avuto nella democratizzazione della Spagna, dopo la trentennale dittatura di Francisco Franco.[21]

Nel 1976 fece la sua prima apparizione pubblica senza il re, in compagnia di funzionari e consiglieri del Governo, partecipando a una celebrazione per la vigilia dello Shabbat alla sinagoga di Madrid.[22] Vi prese parte su invito della comunità ebraica della città e fu accolta dal rabbino capo Felipe Halioua.[22] Segnò la prima visita nella storia moderna di un membro della famiglia reale spagnola a un luogo di culto ebraico.[22] L'evento venne anche interpretato come un mezzo per dare alla Spagna un'immagine più liberale.[22]

Nel 1977 istituì con un piccolo capitale la Fundación Reina Sofía, della quale è presidentessa esecutiva operando per scopi umanitari in diversi ambiti.[23]

Anni ottanta e novanta

[modifica | modifica wikitesto]
Il presidente Ronald Reagan e la moglie Nancy salutano il re Juan Carlos I e la regina Sofia di Spagna sul portico della Casa Bianca nel 1981

Nel 1987 divenne presidentessa onoraria dell'allora Fundación de Ayuda contra la Drogadicción (istituita nell'anno precedente per prevenire il consumo di droga), incarico che ha mantenuto fino al 2015, venendo succeduta dalla nuora Letizia.[24] Nel 1999, durante una visita di Stato in Spagna della coppia presidenziale francese, mostrò il lavoro della fondazione la première dame Bernadette Chirac.[24]

La regina Sofia in un ritratto del pittore Antonio Montiel, 1997

Nel 1993, a un pranzo organizzato da Fabiola del Belgio al Palazzo Reale di Bruxelles, incontrò l'economista Muhammad Yunus, recatosi nel paese in occasione di una premiazione.[25][26] La regina mostrò un vivo interesse per i progetti di Yunus, per poi invitarlo al palazzo della Zarzuela a Madrid.[25][26] Nel novembre 1996 si recò con lui in Bangladesh, visitando i villaggi del paese e le case di donne in condizioni di povertà in un soggiorno durato quattro giorni.[25][26] Da allora è impegnata nel promuovere il microcredito, partecipando dal 1997 alle edizioni del Microcredit Summit, tra cui quella del 2011 che ha avuto sede a Valladolid.[25][26]

Nel 1996 inaugurò un nuovo strumento di lavoro nella fondazione a lei intitolata, cioè i viaggi all'estero per implementare la cooperazione internazionale.[23] Da allora si è recata in oltre 30 paesi per entrare in contatto con progetti sul microcredito, di ricerca biomedica e con scuole primarie.[23]

Jose Miguel Arroyo, la regina, Gloria Macapagal e Juan Carlos I nel 2006

Nell'ambito delle malattie neurodegenerative è stata impegnata dagli anni 2000 con la sua fondazione, presentando nel dicembre 2002 il Progetto Alzheimer per poi inaugurare nel marzo 2007 il Centro Alzheimer de la Fundación Reina Sofía.[27]

Nel 2003 il Consiglio di Amministrazione dello Spanish Institute di New York le propose di intitolarle l'istituto, in riconoscimento alle sue attività.[28] La regina accettò e da allora ne è patrona, con il compito di promuovere la cultura spagnola e l'unità delle Americhe.[28] Dal 2008 fino al 2011 prese parte agli incontri del Gruppo Bilderberg.[29][30] In quest'ultimo anno sostenne pubblicamente Muhammad Yunus, licenziato a opera del Governo bengalese dalla Grameen Bank da lui fondata, e presiedette nel mese di settembre il Vertice Mondiale sui progressi nella ricerca sull'Alzheimer nel Palacio de Congresos di Madrid.[27][31]

La regina Sofia durante una cena formale in onore del re Juan Carlos I nel 2009
La regina, il re e i principi delle Asturie durante un ricevimento in onore del presidente russo Medvedev e la moglie Svetlana

Nel luglio 2012 intraprese il suo terzo viaggio cooperativo nelle Filippine, dopo quelli del 2002 e del 2003, al fine di visitare i progetti finanziati in parte dall'Agenzia Spagnola di Cooperazione Internazionale per lo Sviluppo (AECID).[32][33] Manifestò anche il suo apprezzamento al presidente Benigno Aquino III per il reinserimento parziale dello spagnolo nel sistema educativo filippino, affermando che "apre opportunità di benessere per le generazioni future del paese in un mondo globalizzato".[33] È stata il primo dignitario straniero a visitare la provincia di Albay, dal viaggio di Giovanni Paolo II del 1981.[34]

Nel 2014, prima di tre settimane dall'abdicazione del marito, partecipò alla sua quinta riunione nel Gruppo Bilderberg.[35]

La regina Sofia con Cristina Fernández de Kirchner nel 2003

Nel 2008 fecero discutere alcune sue dichiarazioni pubblicate dalla giornalista Pilar Urbano nel libro La Reina muy de cerca, frutto di diverse interviste con la regina.[17] Sofia affermò di rispettare gli orientamenti sessuali delle persone e di essere favorevole al matrimonio tra individui dello stesso sesso, ma che una tale unione "non dovrebbe essere chiamata matrimonio".[17][21]

Espresse anche dichiarazioni conservatrici in materia di educazione religiosa, eutanasia e omosessualità, riscontrando l'indignazione degli spagnoli di ideologia liberale e minando all'immagine di discrezione mostrata fino ad allora.[21] In breve tempo la casa reale si scusò per le affermazioni pubblicate e un portavoce comunicò il rammarico della regina per le offese e il disagio causato, sottintendendo però l'inesattezza di quanto riportato.[17][21] Pilar Urbano rispose che le bozze del libro erano state approvate dall'ufficio della regina stessa.[21]

Il presidente della Federazione Statale di Lebsiche, Gay, Transessuali e Bisessuali (FELGTB), Antonio Poveda, accettò le scuse della sovrana a nome della sua organizzazione, dichiarando che dei sentimenti negativi continuassero tuttavia a esistere nella comunità gay.[21] Invece, il professore di sociologia Juan Díez-Nicolás, affermò di non credere che "molte persone si sarebbero sorprese nell'apprendere le opinioni della regina".[21]

Dall'abdicazione del marito

[modifica | modifica wikitesto]
La regina Sofia in Città del Vaticano vestita di bianco, nel 2018

Nel settembre 2017 inaugurò con il presidente portoghese Marcelo Rebelo de Sousa il Vertice Mondiale sulla Ricerca e la cura dell'Alzheimer, presso la Fondazione Champalimaud di Lisbona.[36]

Il 14 ottobre 2018 si recò in Vaticano per partecipare alla canonizzazione di papa Paolo VI, Óscar Romero e di altri cinque beati in piazza San Pietro.[37] Per l'occasione esercitò il privilegio del bianco, di cui gode essendo la moglie cattolica di un ex sovrano cattolico.

Vita personale

[modifica | modifica wikitesto]
La regina Sofia nel 2020 in visita al Banco Alimentare di Ciudad Real

Segue la dieta pescetariana.[18] Come lei stessa ha dichiarato, questa scelta non è dettata da "motivi ambientalistici, etici o dietetici", ma da una rinuncia che fece in omaggio a suo padre quando questi morì, in quanto era particolarmente legata a lui.[38]

È appassionata di musica classica, avendo come compositori prediletti Johann Sebastian Bach, Georg Friedrich Händel e Mikīs Theodōrakīs.[19][39] Si è dichiarata contraria alle corride e alla caccia.[39][40]

Sofia con il marito e i figli nel 1975

Sofia di Grecia e Juan Carlos I di Spagna ebbero due figlie e un figlio:

Titoli e trattamento

[modifica | modifica wikitesto]
  • 2 novembre 1938 - 14 maggio 1962: Sua Altezza Reale, la principessa Sofia di Grecia e Danimarca
  • 14 maggio 1962 - 21 luglio 1969: Sua Altezza Reale, la principessa delle Asturie
  • 21 luglio 1969 - 22 novembre 1975: Sua Altezza Reale, la principessa di Spagna
  • 22 novembre 1975 - 19 giugno 2014: Sua Maestà, la regina di Spagna
  • 19 giugno 2014 - attuale: Sua Maestà, la regina Sofia di Spagna
Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Giorgio I di Grecia Cristiano IX di Danimarca  
 
Luisa d'Assia-Kassel  
Costantino I di Grecia  
Olga Konstantinovna di Russia Konstantin Nicolaevič di Russia  
 
Alessandra di Sassonia-Altenburg  
Paolo I di Grecia  
Federico III di Germania Guglielmo I di Germania  
 
Augusta di Sassonia-Weimar-Eisenach  
Sofia di Prussia  
Vittoria di Gran Bretagna Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha  
 
Vittoria del Regno Unito  
Sofia di Grecia  
Ernesto Augusto, duca di Cumberland Giorgio V di Hannover  
 
Maria di Sassonia-Altenburg  
Ernesto Augusto III di Brunswick  
Thyra di Danimarca Cristiano IX di Danimarca  
 
Luisa d'Assia-Kassel  
Federica di Hannover  
Guglielmo II di Germania Federico III di Germania  
 
Vittoria di Gran Bretagna  
Vittoria Luisa di Prussia  
Augusta di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg Federico VIII di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg  
 
Adelaide di Hohenlohe-Langenburg  
 

Poiché i suoi genitori erano cugini di secondo grado, Sofia discende da Guglielmo I di Germania, Cristiano IX di Danimarca e Vittoria del Regno Unito sia per linea paterna che materna.[3]

Onorificenze spagnole

[modifica | modifica wikitesto]
Monogramma di Sofia.
Stendardo personale di sua maestà doña Sofia come Regina di Spagna

Onorificenze greche

[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze straniere

[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze accademiche

[modifica | modifica wikitesto]
Dottorato honoris causa - nastrino per uniforme ordinaria
Dottorato honoris causa
— Università del Rosario, 13 ottobre 1976[116]
Dottorato honoris causa - nastrino per uniforme ordinaria
Dottorato honoris causa
Dottorato honoris causa in Diritto - nastrino per uniforme ordinaria
Dottorato honoris causa in Diritto
Dottorato honoris causa in Diritto Civile - nastrino per uniforme ordinaria
Dottorato honoris causa in Diritto Civile
«Per l'esperienza nei costumi e tradizioni delle università, perché ha difeso con energia la causa della musica e delle arti in Spagna e perché ha promosso in modo prominente gli studi spagnoli qui a Oxford»
— Università di Oxford, 20 giugno 1989[119]
Dottorato honoris causa in Discipline umanistiche - nastrino per uniforme ordinaria
Dottorato honoris causa in Discipline umanistiche
— Università di Georgetown, 27 maggio 1995[120]
Dottorato honoris causa - nastrino per uniforme ordinaria
Dottorato honoris causa
— Università di Évora, 30 gennaio 1996[121]
Dottorato honoris causa in Scienze Umanistiche - nastrino per uniforme ordinaria
Dottorato honoris causa in Scienze Umanistiche
«Per il suo coinvolgimento personale in progetti nazionali e internazionali dedicati alla salute, all'istruzione, all'agricoltura, alla promozione della donna e per la sua generosa dedizione a cause difficili [...] come la lotta alla tossicodipendenza e la difesa dei disabili»
— Università di New York, 31 ottobre 2000[122]
Dottorato honoris causa - nastrino per uniforme ordinaria
Dottorato honoris causa
«In riconoscimento al suo impegno per lo sviluppo e l'educazione delle donne»
— Università Seisen, 19 agosto 2011[123]

Libri pubblicati

[modifica | modifica wikitesto]
  • En Decelia: fragmentos cerámicos de Decelia y miscelánea arqueológica [1959–1960] (2013). ISBN 9788494103308
  1. ^ (ES) Pilar Urbano, La Reina, Barcellona, Plaza & Janés, 1996.
  2. ^ a b (EN) Moniek Bloks, Taking a look at Queen Sofía of Spain, in historyofroyalwomen.com, 10 agosto 2020. URL consultato il 4 luglio 2023.
  3. ^ a b c d e f g h (EN) Susan Flantzer, Queen Sofia of Spain, in unofficialroyalty.com, 24 agosto 2014. URL consultato il 17 giugno 2023.
  4. ^ a b Marina Minelli, Sofia compie 80 anni. La storia di una regina di Spagna nata ad Atene, in marinaminelli.it, 1⁰ novembre 2018. URL consultato il 17 giugno 2023.
  5. ^ a b c (ES) Biografia de Sofía de Grecia, in biografiasyvidas.com. URL consultato il 17 giugno 2023.
  6. ^ (ES) Todo sobre la Reina Sofía, in lecturas.com. URL consultato il 17 giugno 2023.
  7. ^ a b c (ES) Marta Ruiz-Castillo, Sofía de Grecia: 5 momentos clave en la vida de la reina consorte, in theobjective.com, 2 novembre 2018. URL consultato il 17 giugno 2023.
  8. ^ Dimitrakis, p. 92
  9. ^ Vickers, p. 355.
  10. ^ Mateos Sáinz de Medrano, pp. 132-133, 144-148.
  11. ^ a b c d Marina Minelli, 101 storie di regine e principesse che non ti hanno mai raccontato, Newton Compton Editori, 2012.
  12. ^ a b c d e f (EN) Emily McMahon, Wedding of King Juan Carlos of Spain and Princess Sophia of Greece, su unofficialroyalty.com, 2 giugno 2017. URL consultato il 31 luglio 2023.
  13. ^ a b (EN) Arturo Beéche, The Wedding of Juan Carlos of Spain and Sophia of Greece (archiviato dall'url originale il 16 maggio 2008).
  14. ^ Van der Kiste, p. 182.
  15. ^ Mateos, p. 133
  16. ^ Palmer e Grecia, p. 101
  17. ^ a b c d (EN) Lara Walsh, 10 things you probably didn't know about Queen Sofía of Spain, su insider.com, 1⁰ novembre 2018. URL consultato il 31 luglio 2023.
  18. ^ a b (ES) Los datos confidenciales sobre la reina Sofía que ocultan en Casa Real, su periodistadigital.com. URL consultato il 1⁰ agosto 2023.
  19. ^ a b c (ES) Ana Martín Plaza, La Reina Sofía: 70 años de trabajo discreto, su amp.rtve.es. URL consultato il 1⁰ agosto 2023.
  20. ^ (EN) Sandro Pozzi, Queen Sofía: “I feel the same as always. Everything is going to carry on as it is”, su english.elpais.com, 4 giugno 2014. URL consultato il 31 luglio 2023.
  21. ^ a b c d e f g (EN) Victoria Burnett, Queen Sofia Unamused by a Book Quoting Her, su nytimes.com, 17 novembre 2008. URL consultato il 31 luglio 2023.
  22. ^ a b c d (ES) Queen Sophia of Spain Guest at Jewish Sabbath Services, su jta.org, 1⁰ giugno 1976. URL consultato il 31 luglio 2023.
  23. ^ a b c (ES) La Reina Sofía y su Fundación, in fundacionreinasofia.es. URL consultato il 31 luglio 2023.
  24. ^ a b (ES) Elena Castelló, La trágica cruzada de la reina Sofía contra las drogas que empezó hace más 30 años (y que ha heredado Letizia), su mujerhoy.com, 16 dicembre 2022. URL consultato il 31 luglio 2023.
  25. ^ a b c d (ES) Consuelo Font, La estrecha amistad de la Reina Sofía con el banquero Muhammad Yunus, que celebra su 80 cumpleaños, su amp.elmundo.es, 29 giugno 2020. URL consultato il 31 luglio 2023.
  26. ^ a b c d (ES) Mi amiga la reina, su revistavanityfair.es, 18 aprile 2012. URL consultato il 31 luglio 2023.
  27. ^ a b (ESEN) Proyecto Alzheimer, in fundacionreinasofia.es. URL consultato il 1⁰ agosto 2023.
  28. ^ a b (ES) Who We Are, su queensofiaspanishinstitute.org. URL consultato il 31 luglio 2023.
  29. ^ (EN) Official List of Participants for the 2008 Bilderberg Meeting, su publicintelligence.net, 27 settembre 2009. URL consultato il 2 agosto 2023.
  30. ^ (EN) Started Bilderberg Group, su timenote.info. URL consultato il 2 agosto 2023.
  31. ^ Licenziato dalla Grameen Bank il premio Nobel Muhammad Yunus, su repubblica.it, 2 marzo 2011. URL consultato il 31 luglio 2023.
  32. ^ (ES) Viaje de Cooperación de Su Majestad la Reina a la República de Filipinas, su casareal.es. URL consultato il 28 settembre 2023 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2012).
  33. ^ a b (EN) Amita O. Legaspi, PNoy and Spain’s Queen Sofia welcome return of Spanish language in PHL schools, su gmanetwork.com, 3 luglio 2012. URL consultato il 31 luglio 2023.
  34. ^ (EN) Mar S. Arguelles, Albay gives Spanish queen warm welcome, su globalnation.inquirer.net, 5 luglio 2012. URL consultato il 31 luglio 2023.
  35. ^ (EN) Charlie Skelton, Bilderberg at 60: inside the world's most secretive conference, su timenote.info, 29 maggio 2014. URL consultato il 2 agosto 2023.
  36. ^ (ES) Actividades y Agenda, su casareal.es, 19 settembre 2017. URL consultato il 1⁰ agosto 2023.
  37. ^ (ES) Actividades y Agenda, su casareal.es, 14 ottobre 2018. URL consultato il 31 luglio 2023.
  38. ^ Marina Minelli, La scelta di Sofia, vegetariana per amore di suo padre, su marinaminelli.it, 17 marzo 2014. URL consultato il 1⁰ agosto 2023.
  39. ^ a b (ES) Eva Celada, Sofía, la reina de la mirada que ríe: las curiosidades más desconocidas de la madre de Felipe VI, su vanitatis.elconfidencial.com, 12 luglio 2020. URL consultato il 1⁰ agosto 2023.
  40. ^ (EN) Paul Richardson, Why bullfighting is making Spain see red, su theguardian.com, 6 giugno 2010. URL consultato il 1⁰ agosto 2023.
  41. ^ Ortiz de Pinedo (archiviato dall'url originale il 7 ottobre 2013).
  42. ^ Bollettino ufficiale di Stato.
  43. ^ Bollettino Ufficiale di Stato.
  44. ^ Foro Dinastías., State visit of Stephanopoulos in Spain, 2001, Group Photo (JPG) (archiviato dall'url originale il 12 maggio 2018).
  45. ^ Noblesse et Royautes (archiviato dall'url originale il 1º luglio 2013)., State visit of Argentina in Spain, February 2009
  46. ^ State visit in Belgium in 2000 - Belga Pictures, Group photo (archiviato dall'url originale il 25 aprile 2012)., King & Queen (archiviato dall'url originale il 25 aprile 2012).
  47. ^ Foro Dinastías., State visit of Belgium in Spain, 1994, Cristina & Queen Sofia (JPG)., Queen Sofia (JPG).
  48. ^ Los Reyes de Bélgica, de visita oficial en España.
  49. ^ Foro Dinastías., State visit of Brazil in Spain, 16 May 1991, Group photo (JPG).
  50. ^ "Noblesse et Royautés" (archiviato dall'url originale il 15 marzo 2011). (French), State visit of Chile in Spain, March 2011
  51. ^ State visit of Colombia in Spain, Group Photo (JPG).
  52. ^ Photo 1 (JPG)., 2 (JPG).
  53. ^ Visita de estado del presidente de Costa Rica a España.
  54. ^ Visita de Estado de los Reyes de España a Ecuador.
  55. ^ Foro Dinastías., State visit of Ecuador in Spain (April 1989), Photos of Sofia : Couple (JPG)., with Elena & Cristina (JPG).
  56. ^ Foro Dinastias., State visit of Egypt in Spain, Queen Sofia & Cristina (JPG).
  57. ^ Visita de Estado de los Reyes a Egipto.
  58. ^ Foro Dinastías.
  59. ^ El Rey, en la cena ofrecida por el presidente de El Salvador, su mpr.gob.es. URL consultato il 7 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 6 aprile 2014).
  60. ^ Estonian State Decorations - Bearers of decorations, Sofía. - official website of the President of the Republic of Estonia
  61. ^ Getty Images, State visit of Philippines President in Spain, December 2007, Group Photo.. Zooming on the collar shows green cross of the golden Heart
  62. ^ Foro Dinastías., State visit of Finland in Spain, 1999, Sofía & Juan Carlos (JPG).
  63. ^ Photo (JPG) (archiviato dall'url originale il 29 giugno 2012). taken during Sarkozy's visit in Madrid, in April 2009 (article on Noblesse et Royautés (archiviato dall'url originale il 1º febbraio 2016).).
  64. ^ Los Reyes de España, de visita oficial en Jamaica (archiviato dall'url originale l'11 settembre 2012).
  65. ^ Forum Príncipes de Asturias, State visit of Japan in Spain, 1994, Group photo (JPG).
  66. ^ "Noblesse et Royautés" (archiviato dall'url originale il 28 gennaio 2016). (French), State visit of Spain in Japan, November 2008
  67. ^ Visita de Estado de los Reyes de España a Japón.
  68. ^ Foro Dinastias., State visit of Jordan in Spain, 1985, Group Photo (JPG).
  69. ^ Foro Dinastías., State visit of Jordan in Spain, Sofia & Rania (JPG).
  70. ^ Hemeroteca El País.
  71. ^ El Rey, en la imposición del Collar de la Orden del Quetzal (archiviato dall'url originale il 7 aprile 2014).
  72. ^ "At the Spanish Court" blog., State dinner in the Royal Palace, Queen Sofia, Elena & Cristina (JPG). (1st State dinner for Cristina).
  73. ^ Foro Dinastías, Sofia (JPG). ( Page.) & Sofia (JPG). ( Page.) - Decoration of the Order.
  74. ^ Badraie (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  75. ^ Badraie (JPG), su badraie.com. URL consultato il 13 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2016).
  76. ^ Icelandese Presidency Website (archiviato dall'url originale l'8 aprile 2014). , Sofia ; drottning Spánar ; Spánn ; 1985-09-16 ; Stórkross (= Sofia, Queen of Spain, Spain, 16 September 1985, Grand Cross)
  77. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato..
  78. ^ Latvian Presidency, Recipients list (.doc) (DOC) (archiviato dall'url originale il 2 maggio 2013).
  79. ^ Getty Images, State Visit of Latvian President, October 2004, Group photo.
  80. ^ "Noblesse et Royautés" (archiviato dall'url originale il 30 gennaio 2016). (French), State visit of Lebanon in Spain, October 2009
  81. ^ Lithuanian Presidency (archiviato dall'url originale il 19 aprile 2014)., Lithuanian Orders searching form
  82. ^ Getty Images Picture, su cache.gettyimages.com. URL consultato il 14 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 30 dicembre 2013).
  83. ^ Foro Dinastías, State visit of Luxembourg in Spain, 2001, Group Photo (JPG) (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  84. ^ Visita de Estado de los Reyes de España a Luxemburgo.
  85. ^ Vox Populi, su vozpopuli.com. URL consultato il 20 luglio 2014 (archiviato dall'url originale il 13 marzo 2016).
  86. ^ State Visit of Mexican Presidente, June 2008, Group photo (JPG) (archiviato dall'url originale il 7 luglio 2012).. Queen Sofia and Prince Felipe would be entitiled to receive the "Sash in Special Category", as the reform of 2011 changed the award conditions.
  87. ^ Cena de gala ofrecida por los Reyes de España en honor del presidente de México, José López Portillo y señora, en el Palacio Real de Madrid.
  88. ^ Foro Dinastías. State visit of Nepal in Spain, 1983
  89. ^ Foro Dinastías., State visit of Nigeria in Spain, 1991, Group photo (JPG).
  90. ^ See the 4th photo in this serie (JPG).
  91. ^ Viva Máxima Blog, State visit of Beatrix in Spain in 1985, Group Photo (JPG) (archiviato dall'url originale il 21 settembre 2013)., & State visit in Netherlands 2001, Group photo (JPG) (archiviato dall'url originale il 28 luglio 2013).
  92. ^ El Rey, con ocasión del intercambio de condecoraciones en Panamá (archiviato dall'url originale il 7 aprile 2014).
  93. ^ "Noblesse et Royautés" (archiviato dall'url originale il 30 gennaio 2016)., State visit of Panama in Spain, November 2008
  94. ^ Visita de Estado del Presidente de Perú a España, su hola.com. URL consultato il 6 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 6 aprile 2014).
  95. ^ Decreto 1174-00 di 13 novembre 2000
  96. ^ Foro Dinastías., State visit of Germany in Spain,1989, Sofía (JPG).
  97. ^ Romanian Presidency, Star of Romania recipients list (.xls) (XLS) (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2014).
  98. ^ Getty Images, State visit of Romanian President in Spain, November 2007, Group Photo.
  99. ^ Queen Sofia wearing the order (JPG).
  100. ^ Royalty website.
  101. ^ Dal sito della Presidenza della Repubblica.
  102. ^ See the 5th photo in this serie (JPG).
  103. ^ 1999 National Orders awards (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2012).
  104. ^ Speech by President Nelson Mandela at the State Banquet in Honour of King Juan Carlos.
  105. ^ Noblesse et Royautés (archiviato dall'url originale il 7 febbraio 2016). (French), Princess Victoria's wedding, June 2010, Photo (JPG) (archiviato dall'url originale il 4 settembre 2012). of Sofia & Elena
  106. ^ Immagini.
  107. ^ Photo of Queen Sofía wearing the order.
  108. ^ Second State visit in Thailand.
  109. ^ Foro Dinastías., State visit in Thailand, Group Photo (JPG)., Sofia : 1 (JPG)., 2 (JPG).
  110. ^ Visita de Estado de los Reyes de España a Tailandia.
  111. ^ Queen Sofia wearing the order (JPG).. Rem : Infanta Elena has no hungarian order
  112. ^ Getty Images, State Visit of Hungarian President, January 2005, Group photo., Sofia & Letizia.
  113. ^ Resolución N° 957/996. ENTREGA DE MEDALLAS DE LA REPUBLICA ORIENTAL DEL URUGUAY. REY JUAN CARLOS I Y REINA SOFIA. ESPAÑA, su impo.com.uy, IMPO. URL consultato il 10 agosto 2020.
  114. ^ El Rey, en la conmemoración del bicentenario de la integración venezolana (archiviato dall'url originale il 7 aprile 2014).
  115. ^ Foro Dinastías., State visit of Zaïre in Spain, Royal Couple (JPG). with President Mobutu Sese Seko
  116. ^ (ES) VIAJE OFICIAL DE LOS REYES DE ESPAÑA; Bogotà (Colombia), 13-10-1976.- El rector del Colegio Mayor del Rosario, Carlos Holguin (iz), junto a la reina Sofía de España durante el acto de investidura y entrega del título de doctor "honoris causa, in archive.wikiwix.com, 13 ottobre 1976. URL consultato il 20 giugno 2023.
  117. ^ (ES) La reina Sofía, doctora 'honoris causa'., in elpais.com, 17 ottobre 1986. URL consultato il 20 giugno 2023.
  118. ^ (ES) Ricardo Martínez de Rituerto, Los Reyes serán investidos el día 7 doctores 'honoris causa' por Cambridge, in elpais.com, 28 giugno 1988. URL consultato il 20 giugno 2023.
  119. ^ (ES) Ricardo Martínez de Rituerto, La Reina, doctora 'honoris causa' de Oxford por su Contribución a las artes, in elpais.com, 21 giugno 1989. URL consultato il 20 giugno 2023.
  120. ^ (ES) Washington D.C., 27/05/1995.- La reina Sofía pronuncia un discurso de agradecimiento por el doctorado "Honoris Causa" en Humanidades por la Universidad de Georgetown, en Washington D.C., Estados Unidos, in archive.wikiwix.com, 27 maggio 1995. URL consultato il 20 giugno 2023.
  121. ^ (ES) Javier García, La Reina, investida 'honoris causa' por la Universidad de Évora, in elpais.com, 1⁰ febbraio 1996. URL consultato il 20 giugno 2023.
  122. ^ (ES) Enric González, La Reina, doctora 'honoris causa' por la Universidad de Nueva York, in elpais.com, 1⁰ novembre 2000. URL consultato il 20 giugno 2023.
  123. ^ (ES) Doña Sofía recibe el doctorado honoris causa por la Universidad de Seisen, in lainformacion.com, 19 agosto 2011. URL consultato il 20 giugno 2023.

Altri progetti

[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Regina consorte di Spagna Successore
Vittoria Eugenia di Battenberg 22 novembre 1975 - 19 giugno 2014 Letizia Ortiz Rocasolano
Controllo di autoritàVIAF (EN38228708 · LCCN (ENn80162685 · GND (DE118842552 · BNE (ESXX871242 (data) · J9U (ENHE987007360383105171