A Pioli il premio Nereo Rocco: "Il Milan è casa, abbiamo ancora tanto da fare" - La Gazzetta dello Sport

il premio

Pioli: "Il Milan è casa, c'è ancora tanto da fare. E il contratto non mi preoccupa"

Il tecnico rossonero ha ricevuto il Nereo Rocco: "Chelsea e Juve sono alla portata, se giochiamo ai nostri livelli. Ma la partita più difficile è quella di Empoli"

dalla nostra inviata Alessandra Gozzini

Stefano Pioli, 56 anni. Getty Images

Per Stefano Pioli è di nuovo tempo di riconoscimenti: il tecnico rossonero ha ritirato a Coverciano, casa della Nazionale, il premio Nereo Rocco, 321 panchine rossonere e una varietà di titoli aggiunti in bacheca. Pioli ha contribuito con l’ultimo scudetto e ora ne punta di nuovi. "Stiamo provando a migliorare ancora il nostro livello e credo che stiamo facendo bene ma che le difficoltà in campionato siano evidenti, nel senso che è una Serie A molto livellata tra squadre forti che lotteranno fino alla fine. Noi ovviamente vogliamo rimanere nel gruppo che lotterà fino all’ultimo".

Ciclo

—  

Pioli guarda oltre. Al futuro immediato, che proporrà al Milan le sfide con l’Empoli alla ripresa e poi la Juventus in mezzo alle due sfide di Champions. Ma anche a un futuro lontano, in cui si vede ancora rossonero: "Al Milan mi sento a casa e quando uno si sente a casa non vorrebbe prendere in considerazione altro. Abbiamo ancora tante cose da fare ma non sono assolutamente preoccupato per il mio contratto né per il mio futuro". Magari per aprire un lungo ciclo di successi, proprio come Rocco: "Sono orgoglioso di ricevere questo premio, il Paron ce lo abbiamo a Milanello che ci osserva e quando arrivi al Milan l’obiettivo è essere competitivo e vincere qualcosa".

Calendario

—  

Sui prossimi impegni: "Capisco le aspettative ma la partita più difficile sarà sicuramente quella di Empoli: non voglio mettere le mani avanti ma ritroverò i giocatori a due giorni dal match e la sfida di Empoli è molto delicata. Juve e Chelsea sono scontri diretti ma noi abbiamo un livello alto e siamo una squadra forte, dobbiamo trovare continuità di risultati per competere. Se ci manterremo ai nostri livelli anche le sfide con il Chelsea sono alla nostra portata. Non abbiamo bisogno di questi test per sapere chi siamo: ripeto, siamo competitivi".

POTRESTI ESSERTI PERSO

ANNUNCI PPN