Durissimo attacco di Mediterranea contro Piantedosi | TG LA7

Durissimo attacco della Ong Mediterranea contro il Ministro Piantedosi: il video

E' stato anche diffuso un nuovo video dell'attacco

Continua a far discutere quanto accaduto lo scorso 4 aprile in acque internazionali, quando la motovedetta libica 658 Fezzan ha attaccato la nave italiana Mare Jonio, impegnata in un soccorso in mare.

Sulla vicenda è intervenuto in parlamento anche  il Ministro dell'Interno Matteo Piantedosi, ma le polemiche non si sono placate. Anzi. In una nota, accompagnata da un video pubblicato sui suoi canali social, la Ong Mediterrana Saving Humans ha attaccato duramente quanto dichiarato dal ministro e la sua ricostruzione.

La dura critica di Mediterranea contro Piantedosi

"Rispondendo ieri pomeriggio in Senato all'interrogazione urgente presentata dal senatore Antonio Nicita, in merito all'attacco , scrive la ONG,  il ministro Matteo Piantedosi ha mentito al Parlamento. Il titolare dell'Interno ha infatti affermato che la nostra Mare Jonio sia intervenuta in un momento successivo, avvicinandosi alla motovedetta Fezzan quando questa aveva già assolto gli obblighi di salvataggio in mare".

"È clamorosamente falso - prosegue - come dimostrano le nuove immagini video che diffondiamo oggi, la Mare Jonio individua l'imbarcazione in pericolo con oltre 45 naufraghi a bordo alle ore 16:40 del 4 aprile e il nostro Team Rescue inizia le operazioni di soccorso quando sulla scena non c'è nessun'altra imbarcazione presente. Anzi, proprio durante il nostro intervento, si può ascoltare la motovedetta libica che, distante ancora alcune miglia, chiede via radio vhf alla Mare Jonio informazioni sulla barca in pericolo. La cosiddetta guardia costiera libica arriverà infatti, a grande velocità, soltanto venti minuti dopo l'inizio del soccorso, alle ore 17:00, quando il nostro Team ha già distribuito i giubbotti di salvataggio ai naufraghi e si sta apprestando a trasferire le prime persone sulla Mare Jonio".

"Il ministro Piantedosi - sottolinea Mediterranea - ha quindi mentito al Parlamento. E lo ha fatto sapendo di mentire. Infatti, al momento dello sbarco delle 56 persone soccorse, nel porto di Pozzallo lo scorso 5 aprile, i nostri Comandante e Capomissione non solo hanno reso spontanee dichiarazioni all'Autorità marittima ricostruendo puntualmente i fatti avvenuti, ma hanno anche consegnato documentazione fotografica e video sia alla Guardia Costiera italiana sia alle forze di Polizia direttamente dipendenti dal Viminale presenti al molo".

 

Per restare aggiornato sulle ultime notizie segui gratis il canale whatsapp del Tgla7 
Puoi anche iscriverti al canale whatsapp della rete la7 

Notizie correlate

Ti potrebbe interessare

I più visti

condividi