Carlo XVI Gustavo di Svezia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Carlo XVI Gustavo di Svezia
Re Carlo XVI Gustavo di Svezia
Re di Svezia
Stemma
Stemma
In caricadal 15 settembre 1973 (50 anni)
Incoronazione19 settembre 1973
PredecessoreGustavo VI Adolfo
EredeVittoria di Svezia
Nome completosvedese: Carl Gustaf Folke Hubertus
italiano: Carlo Gustavo Folco Uberto
TrattamentoSua Maestà[1]
Altri titoli
NascitaSolna, Svezia, 30 aprile 1946 (78 anni)
Casa realeBernadotte
PadreGustavo Adolfo, duca di Västerbotten
MadreSibilla di Sassonia-Coburgo-Gotha
ConsorteSilvia Sommerlath
FigliVittoria
Carlo Filippo
Maddalena
ReligioneChiesa di Svezia
MottoFör Sverige, i tiden (Per la Svezia, nel tempo)
Firma

Carlo XVI Gustavo di Svezia (Carl Gustaf Folke Hubertus; Solna, 30 aprile 1946) è l'attuale re di Svezia.

Divenne re alla morte del nonno paterno, il 15 settembre 1973. È figlio del principe Gustavo Adolfo di Svezia e della principessa Sibilla di Sassonia-Coburgo-Gotha, nonché nipote di Gustavo VI Adolfo. Il suo motto personale è För Sverige, i tiden (Per la Svezia, nel tempo).

Il principe Gustavo Adolfo, duca di Västerbotten, la moglie Sibilla, le figlie maggiori e il piccolo Carlo Gustavo in braccio alla madre, in una fotografia del 1946

Carlo Gustavo nacque il 30 aprile 1946, alle 10:20, al Palazzo di Haga a Solna, vicino Stoccolma, quintogenito ed unico figlio maschio del principe Gustavo Adolfo di Svezia, duca di Västerbotten, e di sua moglie, la principessa Sibilla di Sassonia-Coburgo-Gotha. Venne successivamente battezzato nella Cappella Reale il 7 giugno 1946 coi nomi di Carl Gustaf Folke Hubertus per mano dell'arcivescovo di Uppsala, Erling Eidem.

Suoi padrini furono il principe e la principessa ereditaria di Danimarca (suoi zii paterni), il principe ereditario di Norvegia, la principessa Giuliana dei Paesi Bassi, il re di Svezia (suo bisnonno paterno), il principe ereditario di Sassonia-Coburgo-Gotha (suo zio materno), il principe e la principessa ereditaria di Svezia (suo nonno e nonna adottiva), oltre al conte Folke e alla contessa Maria Bernadotte di Wisborg.

Al principe Carlo Gustavo venne assegnato dalla nascita il titolo di duca di Jämtland. Suo padre Gustavo Adolfo rimase ucciso in un incidente d'aereo il 26 gennaio 1947 presso l'Aeroporto di Copenaghen, quindi Carlo Gustavo, all'epoca dell'età di poco meno di nove mesi, prese il suo posto nella linea di successione al trono svedese. Tre anni più tardi, alla morte del re in carica Gustavo V, gli succedette suo figlio Gustavo VI Adolfo, padre del defunto Gustavo Adolfo e nonno paterno di Carlo Gustavo, che nominò il nipote suo primo erede in linea di successione.

Gioventù ed educazione

[modifica | modifica wikitesto]
Il piccolo principe Carlo Gustavo in una fotografia del 1949

Da piccolo, Carlo Gustavo abitava al palazzo d'Haga con la madre e le quattro sorelle maggiori, la principessa Margherita, la principessa Brigitta, la principessa Desirée e la principessa Cristina, mentre d'estate era solito trasferirsi con la famiglia al palazzo Solliden nell'isola di Öland. Era affidato alle cure della bambinaia Nenne Björnberg che, assunta a corte nel 1938, rimase con la famiglia reale per quasi cinquant'anni.

All'età di un anno e mezzo, Carlo Gustavo svolse il suo primo incarico pubblico, ricevendo un premio che sarebbe stato destinato a suo padre, una coppa d'argento assegnata alla Svezia dal politico Justin Godart per gli aiuti durante la seconda guerra mondiale. A tre anni iniziò a suonare l'armonica, interesse che manterrà sino all'età adulta. Nel 1956 ricevette un cagnolino, che ebbe il nome di Mowgli, e a quattro anni entrò ufficialmente negli scout svedesi, passione che lo accompagnerà per tutta la vita sino a divenire presidente della medesima organizzazione nel 1977, nonché presidente della fondazione mondiale scout.

Nell'ottobre del 1950, all'età di quattro anni, divenne principe ereditario. Tre anni più tardi apprese della vera morte del padre, del quale rimpianse sempre di non aver mai conosciuto la figura, come ha avuto egli stesso occasione di ricordare in un'intervista nel 2005.[2] Nel 1962 venne cresimato nella chiesa di Borgholms presso l'isola di Öland e nel 1965 fece il solenne giuramento come principe onorario per servire degnamente il Paese.

Il quindicenne principe ereditario Carlo Gustavo di Svezia dà uno sguardo alla nave da guerra Vasa da poco ripescata nelle acque del mare in cui giaceva da tre secoli, nel 1961

Nel 1966 superò l'esame di maturità nel liceo Sigtuna Humanistiska Läroverk. Svolse quindi il servizio militare per due anni, frequentando i corsi dell'esercito, dell'aeronautica e della marina, preferendo quest'ultima e ottenendo il grado di ufficiale nel 1968, raggiungendo in breve tempo il rango di capitano. Successivamente completò i propri studi accademici perfezionandosi in storia, sociologia, scienze politiche, finanza ed economia frequentando l'Università di Uppsala e poi anche economia nazionale presso l'Università di Stoccolma.

Tra i suoi insegnanti durante il periodo scolastico, poté vantare personaggi di spicco della sua epoca: Gösta Lewenhaupt, direttore dell'IBM e amico del defunto principe ereditario, il maggiore generale Malcom Murray, il maggiore Hans Skiöldebrand, il barone Hans Beck-Friis; il tenente colonnello Harold Smith, l'ammiraglio Stig H:son Ericson, il governatore reale Allan Nordenstam e il rettore dell'università di Stoccolma, Håkan Nial.

Per prepararlo al suo futuro ruolo di capo di Stato, il principe ereditario Carlo Gustavo venne impiegato in una serie di sistemi di corte, organizzazioni sociali, istituzioni e trade union. Inoltre egli studiò attentamente l'operato del Riksdag e nello specifico quello del Ministero degli Esteri. Il principe ereditario trascorse anche molto tempo alla missione svedese presso le Nazioni Unite e nell'Agenzia Svedese di Cooperazione Internazionale per lo Sviluppo, lavorando in una banca a Londra, all'ambasciata svedese a Londra e nella camera di commercio svedese in Francia, oltre che in una fabbrica dell'Alfa Laval Company in Francia. In questi anni scoprì di soffrire di dislessia, come accadrà anche a due dei suoi figli, la principessa Vittoria e il principe Carlo Filippo.

L'ascesa al trono

[modifica | modifica wikitesto]

Il 15 settembre 1973 Carlo Gustavo divenne re di Svezia alla morte di suo nonno, il re Gustavo VI Adolfo, che il giovane principe aveva assistito al capezzale sino alla dipartita. Carlo Gustavo venne investito della carica di sovrano nella Sala di Stato del Palazzo Reale di Stoccolma il 19 settembre 1973 e apparve per la prima volta al balcone del palazzo reale davanti a una folla di oltre 25 000 persone. Re Gustavo VI Adolfo fu l'ultimo sovrano svedese a utilizzare la dizione "per grazia di Dio re degli Svedesi, dei Goti e dei Wendici" (med Guds Nåde Sveriges, Götes och Wendes Konung; in latino: Dei Gratia Suecorum, Gothorum et Vandalorum Rex), titolo che tradizionalmente i re svedesi usavano dal 1544. Carlo XVI Gustavo invece preferì utilizzare semplicemente il titolo di "re di Svezia" (Sveriges Konung), ponendo così fine alla tradizione secolare che etichettava il sovrano come investito del suo ruolo per grazia divina, tradizione ormai sentita come obsoleta.[3] Proprio come i suoi due immediati predecessori, Carlo XVI Gustavo si astenne dall'uso della corona durante la cerimonia d'intronazione.

Carlo XVI Gustavo di Svezia con la moglie, in visita al presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan nel 1988

Per la sua prima visita ufficiale di Stato come sovrano svedese, Carlo XVI Gustavo prescelse la Norvegia, recandosi a Oslo l'8 ottobre 1974. Successivamente, si impegnò a seguire da vicino gli altri Paesi con cui il suo Stato intratteneva rapporti stretti come la Finlandia (dicembre 1974), la Danimarca, l'Islanda e il Regno Unito nel 1975. Il re proseguì successivamente negli anni con oltre 70 visite diplomatiche in altri Paesi come l'Egitto, la Cina, il Sudafrica, la Tanzania.

Durante gli anni della guerra fredda, fece una visita informale nel 1976 negli Stati Uniti (era la prima volta che un presidente degli Stati Uniti incontrava ufficialmente un re svedese incoronato) e nel 1978 si recò dapprima nell'Unione Sovietica presso Leonid Il'ič Brežnev e poi da Tito in Jugoslavia. Nell'aprile del 1980 fu il primo monarca di Svezia a visitare il Giappone e a recarsi successivamente (febbraio 1981) in Tanzania. Dopo una visita in Arabia Saudita nel febbraio del 1981, trasse giovamento dall'industria locale dando un giusto sprone all'industria svedese, ritenendo che la sua missione fosse quella di rimanere più coesa all'insegna della produttività. In Egitto fu il primo monarca svedese a partecipare a una celebrazione musulmana in moschea. Successivamente si recò in Vaticano.

Pur avendo avuto contrasti con il primo ministro Olof Palme, Carlo XVI Gustavo giunse a considerarlo un personaggio chiave per lo sviluppo della Svezia nei suoi primi anni di regno; quando Palme fu assassinato nel 1986, il re dispose in maniera autonoma che la bandiera reale posta sul palazzo reale di Stoccolma venisse ammainata a mezz'asta, un tributo normalmente riservato solo ai membri della famiglia reale.

Il re e la regina di Svezia accolti al Cremlino dal presidente della Federazione russa Vladimir Putin e dalla moglie Ljudmila all'inizio della visita di Stato del re in Russia, l'8 ottobre 2001

Secondo la Costituzione svedese, perfezionata dall'instrumento di governo del 1974, il re di Svezia ha compiti unicamente rappresentativi e di natura cerimoniale e nel tempo è stato privato di molti dei propri poteri politici e istituzionali, in favore di una monarchia maggiormente aperta all'azione del parlamento. Carlo XVI Gustavo attualmente si occupa di compiere visite di Stato all'estero e di riceverle in patria, oltre ad aprire annualmente il Riksdag, riunendosi regolarmente col Primo Ministro e il suo gabinetto di governo per controllare l'azione di governo pur non entrandone direttamente nel merito. Autorizza gli ambasciatori svedesi presso altri governi e riceve le credenziali di quelli esteri. Come capo dello Stato, volontariamente egli ha deciso di astenersi dalle votazioni per le elezioni in Svezia.[4]

A livello cerimoniale, re Carlo XVI Gustavo occupa inoltre i gradi più alti delle forze armate sulla base dell'Instrumento di Governo del 1809, oltre al ruolo di comandante in capo delle forze svedesi come generale e ammiraglio, mantenendo però i propri ranghi à la suite senza avere alcuna autorità di comando militare se non nel proprio staff militare e sulla corte. A livello internazionale, Carlo XVI Gustavo è noto soprattutto per essere colui che ogni anno assegna personalmente il Premio Nobel, la cui cerimonia si tiene per l'appunto a Stoccolma, oltre al Premio per la Musica Polare. Il re ha ricevuto delle lauree honoris causa dall'Università svedese per le scienze agricolturali, al Regio Istituto di Tecnologia, dalla Scuola Economica di Stoccolma e dall'Università Åbo Akademi della Finlandia.

Interessi personali

[modifica | modifica wikitesto]
Carlo XVI Gustavo in uniforme da ammiraglio, l'11 settembre 2007

Il re è appassionato di innovazioni, tecnologia, agricoltura, commercio e industria. Come altri membri della famiglia reale svedese, il re è un grande amante e collezionista di automobili. Tra i pezzi di maggior rilievo della sua collezione sono presenti alcune Porsche 911 (modello particolarmente amato dal sovrano), una Volvo PV444, una Ferrari 456M GT, una AC Cobra e molte altre.[5] Nell'estate del 2005 venne coinvolto in un incidente stradale presso Norrköping che, pur non producendo feriti gravi, ebbe una certa risonanza a livello nazionale.[6]

Il re è consigliere onorario della Fondazione mondiale scout ed è solito prendere parte alle attività dell'associazione scout svedese (Svenska Scoutrådet) e a quelle internazionali. Egli regolarmente visita i Jamboree, dei campi scout mondiali, come quelli organizzato nel 1979 e nel 2011 proprio in patria, o quello del 2002 tenutosi a Sattahip, in Thailandia, nonché quello del 2007 a Hylands Park, in Inghilterra, in occasione del Centenario dello scautismo.

Ricerca nel campo delle biomasse

[modifica | modifica wikitesto]

Il re ha partecipato personalmente allo Sweden-Michigan Clean Energy Summit tenutosi al Ritz-Carlton Hotel di Dearborn, Michigan, il 26 settembre 2008, recandosi poi all'Università di Kettering a Flint per l'apertura cerimoniale di un impianto di biogas, traendo ispirazione per un impianto simile da collocarsi a Linköping, in Svezia. Successivamente, nel secondo giorno di visita, il monarca si è recato in visita alla Ford Motor Company e alla General Motors Corporation, proprietarie rispettivamente della Volvo e della Saab.[7]

Matrimonio e figli

[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 marzo 1976 si fidanzò ufficialmente con Silvia Sommerlath, nata a Heidelberg, in Germania, da una brasiliana e da un industriale tedesco: i due si erano conosciuti in occasione dell'Olimpiade di Monaco di Baviera del 1972, dove Silvia, avendone fatto domanda, ricopriva l'incarico di hostess. Tra i compiti della Sommerlath come responsabile hostess c'era anche quello di accogliere le personalità straniere ospiti a Monaco ed in tale modo conobbe il futuro re, con il quale fu amore a prima vista. La relazione tra i due rimase pressoché segreta fino all'estate del 1973, quando la coppia fu paparazzata dalla stampa, pertanto il fidanzamento dovette essere annunciato in forma ufficiale.

Il matrimonio fu celebrato nella Storkyrkan, la cattedrale di Stoccolma, il 19 giugno 1976. Il matrimonio fece epoca perché Silvia era la prima borghese a entrare a far parte della famiglia reale svedese. In occasione delle nozze, la casata reale invitò gli ABBA a esibirsi per la vigilia del matrimonio e il gruppo presentò in tale occasione in anteprima mondiale il brano Dancing Queen, che sarebbe diventato uno dei loro più grandi successi, Quando nacque la principessa Vittoria, figlia primogenita di Carlo Gustavo e Silvia, insorse un serio dibattito sul fatto di mantenere il diritto successorio al trono solo per via maschile, come era sempre stato fin dal 1818; nel 1980 il parlamento svedese approvò una legge secondo la quale l'erede al trono è sempre il primo figlio del sovrano regnante, a prescindere dal suo sesso.

La coppia abita nel palazzo reale di Drottningholm, vicino a Stoccolma, e ha tre figli:

  • La principessa ereditaria Vittoria, duchessa di Västergötland (nata il 14 luglio 1977); ha sposato il 19 giugno 2010 Daniel Westling. La coppia ha avuto due figli: Estelle (23 febbraio 2012) e Oscar (2 marzo 2016)
  • Il principe Carlo Filippo, duca di Värmland (nato il 13 maggio 1979); ha sposato il 13 giugno 2015 Sofia Hellqvist. La coppia ha avuto tre figli: Alexander (19 aprile 2016), Gabriel (31 agosto 2017) e Julian (26 marzo 2021).
  • La principessa Maddalena, duchessa di Hälsingland e Gästrikland (nata il 10 giugno 1982); ha sposato l'8 giugno 2013 Christopher O'Neill. La coppia ha avuto tre figli: Leonore (20 febbraio 2014), Nicolas (15 giugno 2015) e Adrienne (9 marzo 2018)
  • 30 aprile 1946 - 7 giugno 1946: Sua Altezza Reale Principe Carlo Gustavo di Svezia
  • 7 giugno 1946 - 29 ottobre 1950: Sua Altezza Reale Il Duca di Jämtland
  • 29 ottobre 1950 - 15 settembre 1973: Sua Altezza Reale Il Principe Ereditario di Svezia, duca di Jämtland
  • Dal 15 settembre 1973: Sua Maestà Il Re di Svezia

Albero genealogico

[modifica | modifica wikitesto]
Famiglia reale svedese
Casato di Bernadotte

Carlo XIV (1763-1844)
Oscar I (1799-1859)
Carlo XV (1826-1872)
Figli
Oscar II (1829-1907)
Gustavo V (1858-1950)
Gustavo VI Adolfo (1882-1973)
Figli
Carlo XVI Gustavo (1946)
Nipoti
Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Gustavo V di Svezia Oscar II di Svezia  
 
Sofia di Nassau  
Gustavo VI Adolfo di Svezia  
Vittoria di Baden Federico I di Baden  
 
Luisa di Prussia  
Gustavo Adolfo di Svezia  
Arturo, duca di Connaught e Strathearn Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha  
 
Vittoria del Regno Unito  
Margherita di Connaught  
Luisa Margherita di Prussia Federico Carlo di Prussia  
 
Maria Anna di Anhalt  
Carlo XVI Gustavo di Svezia  
Leopoldo di Sassonia-Coburgo-Gotha Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha  
 
Vittoria del Regno Unito  
Carlo Edoardo di Sassonia-Coburgo-Gotha  
Elena di Waldeck e Pyrmont Giorgio Vittorio di Waldeck e Pyrmont  
 
Elena di Nassau  
Sibilla di Sassonia-Coburgo-Gotha  
Federico Ferdinando di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg Federico di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg  
 
Adelaide di Schaumburg-Lippe  
Vittoria Adelaide di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg  
Carolina Matilde di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg Federico VIII di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg  
 
Adelaide di Hohenlohe-Langenburg  
 
Stemma di Carlo Gustavo, Principe della Corona di Svezia, Duca di Jämtland (1950-1973)
Stemma di Carlo XVI Gustavo Re di Svezia (dal 1973-)

Onorificenze svedesi

[modifica | modifica wikitesto]
Sovrano, Gran Maestro, Cavaliere e Commendatore del Reale Ordine dei Serafini - nastrino per uniforme ordinaria
— 15 settembre 1973; già Cavaliere e Commendatore dalla nascita; quiescente per i cittadini svedesi, eccetto i membri della Casa Reale, dal 1º gennaio 1975[8]
Sovrano, Signore e Maestro, Commendatore di gran croce del Reale Ordine della Spada - nastrino per uniforme ordinaria
— 15 settembre 1973; già Commendatore dalla nascita; quiescente dal 1º gennaio 1975[8]
Sovrano, Gran Maestro e Commendatore di gran croce del Reale Ordine della Stella Polare - nastrino per uniforme ordinaria
— 15 settembre 1973; già Commendatore di gran croce; quiescente per i cittadini svedesi dal 1º gennaio 1975
Sovrano, Signore e Maestro, Commendatore di gran croce del Reale Ordine di Vasa - nastrino per uniforme ordinaria
— 15 settembre 1973; già Commendatore di gran croce; quiescente dal 1º gennaio 1975[8]
Sovrano, Signore e Maestro, Cavaliere Reale del Reale Ordine di Carlo XIII - nastrino per uniforme ordinaria
— 15 settembre 1973; già Cavaliere Reale dalla nascita; riservato ai membri dell'Ordine Svedese dei Frammassoni
Alto Patrono e Cavaliere Onorario dell'Ordine di San Giovanni in Svezia - nastrino per uniforme ordinaria
— 15 settembre 1973; de facto solo per i membri della Camera dei Nobili
Medaglia commemorativa del giubileo di re Gustavo V - nastrino per uniforme ordinaria
Medaglia commemorativa del giubileo di re Gustavo V
— 21 maggio 1948
Medaglia commemorativa di re Gustavo VI Adolfo - nastrino per uniforme ordinaria
Medaglia commemorativa di re Gustavo VI Adolfo
— 11 novembre 1967

Onorificenze straniere

[modifica | modifica wikitesto]
Medaglia commemorativa di re Haakon VII 1º ottobre 1957 (Norvegia) - nastrino per uniforme ordinaria
Medaglia commemorativa di re Haakon VII 1º ottobre 1957 (Norvegia)
— 1º ottobre 1957
Medaglia commemorativa di re Olav V 30 gennaio 1991 (Norvegia) - nastrino per uniforme ordinaria
Medaglia commemorativa di re Olav V 30 gennaio 1991 (Norvegia)
— 30 gennaio 1991
Medaglia del giubileo di re Harald V 1991-2016 (Norvegia) - nastrino per uniforme ordinaria
Medaglia del giubileo di re Harald V 1991-2016 (Norvegia)
— 17 gennaio 2016[62]

Posizioni militari onorarie

[modifica | modifica wikitesto]
Forza militare Unità Posizione
Royal Navy
Ammiraglio
  1. ^ (dal 15 settembre 1973; in precedenza Sua Altezza Reale (7 giugno 1946 (dalla nascita) - 15 settembre 1973 (ascensione al trono)
  2. ^ (SV) Birgitta: Jag är rörd till tårar, in Aftonbladet, 12 gennaio 2005. URL consultato il 19 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 12 febbraio 2006).
  3. ^ (SV) Kungl. Maj:ts kungörelse (1973:702) med anledning av konung Gustaf VI Adolfs frånfälle;, su 62.95.69.15, 19 settembre 1973. URL consultato il 19 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 19 febbraio 2012).
  4. ^ (SV) Monarkens uppgifter, su royalcourt.se. URL consultato il 19 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 13 maggio 2006).
  5. ^ (SV) Victoria Enqvist, För Sverige - i bilen, in Expressen. URL consultato il 19 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 20 ottobre 2017).
  6. ^ Swedish king crashes car, in The Local, 25 agosto 2005. URL consultato il 19 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 3 ottobre 2012).
  7. ^ Title unknown, in Detroit Free Press, 27 settembre 2008.
  8. ^ a b c "Noblesse et Royautés" Archiviato il 10 marzo 2013 in Internet Archive., Diner of Victoria of Sweden's wedding, Photo Archiviato il 21 dicembre 2010 in Internet Archive.
  9. ^ (DE) Reply to a parliamentary question (PDF), su parlament.gv.at, p. 457. URL consultato il 16 ottobre 2012.
  10. ^ Copia archiviata, su corbisimages.com. URL consultato il 27 novembre 2016 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2016).
  11. ^ http://www.corbisimages.com/stock-photo/rights-managed/0000378959-031/royal-couple-of-sweden-on-state-visit
  12. ^ State visit of Sweden in Belgium 2001, Gala dinner, group photo, su desmond.imageshack.us. URL consultato il 19 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 15 ottobre 2013).
  13. ^ https://commons.m.wikimedia.org/wiki/File:Carlos_Gustavo_da_Suécia.jpg
  14. ^ https://commons.m.wikimedia.org/wiki/File:Kings_of_Sweden.jpg
  15. ^ (NL) State visit of Lula da Silva in 2007, Photo of Presidential and Royal couples, su anpfoto.nl, ANP Photo. URL consultato il 19 agosto 2012.
  16. ^ http://www.theroyalforums.com/forums/f185/swedish-state-visit-to-brunei-february-7-9-2004-a-1820.html
  17. ^ http://www.gettyimages.co.uk/detail/news-photo/first-state-visit-of-his-majesty-king-carl-xvi-gustaf-and-news-photo/124045545
  18. ^ http://www.gettyimages.co.uk/detail/news-photo/first-state-visit-of-his-majesty-king-carl-xvi-gustaf-and-news-photo/124045554
  19. ^ State visit of President Georgi Parvanov of Bulgaria in Sweden 2007, Gala dinner group photo, su picture.belga.be. URL consultato il 19 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 15 maggio 2013).
  20. ^ http://www.kungahuset.se/royalcourt/royalfamily/latestnews/2007/2007/statevisitfrombulgaria.5.396160511584257f21800058443.html
  21. ^ http://www.gotha-fr.com/Photos/071009-Statsbesok-Gastvanin.jpg
  22. ^ King Carl XVI Gustaf wearing the Grand Cross ribbon bar at the birthday of his cousin, Prince Andreas, Hereditary Duke of Saxe-Coburg and Gotha
  23. ^ Visita di Stato del Cile in Svezia, su svenskdam.se.
  24. ^ a b (DA) Persondetaljer Hans Majestæt Carl XVI Gustaf, su borger.dk. URL consultato il 19 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 29 maggio 2012).
  25. ^ http://c8.alamy.com/comp/C4FJBN/king-carl-gustaf-and-queen-margrethe-ii-welcome-ceremony-at-toldbolden-C4FJBN.jpg
  26. ^ Copia archiviata, su gettyimages.co.uk. URL consultato il 19 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 20 novembre 2015).
  27. ^ https://www.pinterest.com/pin/17592254764752733/
  28. ^ https://www.pinterest.com/pin/80079699600649221/
  29. ^ http://c8.alamy.com/comp/C4FJBT/king-carl-gustaf-welcome-ceremony-at-toldbolden-harbour-during-the-C4FJBT.jpg
  30. ^ (ET) Estonian State Decorations, Carl XVI Gustaf, su president.ee, Website of the President of Estonia. URL consultato il 19 agosto 2012.
  31. ^ https://commons.m.wikimedia.org/wiki/File:Estpresident_1c300_5255.jpg
  32. ^ (ET) Estonian State Decorations, Carl XVI Gustaf, su president.ee, Website of the President of Estonia. URL consultato il 19 agosto 2012.
  33. ^ (SV) Galamiddag för Estlands presidentpar på Kungliga slottet 1-6-7, su kungahuset.se, Swedish Royal Website. URL consultato il 19 agosto 2012.
  34. ^ (FR) Les souverains suédois reçoivent le président estonien, su noblesseetroyautes.com, Noblesse et Royautés. URL consultato il 19 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 23 gennaio 2011).
  35. ^ Copia archiviata, su presidentti.fi. URL consultato il 20 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 20 ottobre 2017).
  36. ^ Copia archiviata, su presidentti.fi. URL consultato il 20 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 20 ottobre 2017).
  37. ^ Copia archiviata, su presidentti.fi. URL consultato il 20 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 20 ottobre 2017).
  38. ^ Copia archiviata, su reservoirphoto.com. URL consultato il 14 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 1º novembre 2012).
  39. ^ http://www.gettyimages.ae/detail/news-photo/king-carl-gustaf-queen-silvia-crown-princess-victoria-of-news-photo/158152102
  40. ^ https://sverigesradio.se/sida/artikel.aspx?programid=2054&artikel=1278338
  41. ^ State visit of Jordan in Sweden (2003), Group photo of Swedish & Jordanian sovereigns wearing reciprocal orders
  42. ^ Badraie Archiviato il 5 marzo 2016 in Internet Archive.
  43. ^ Badraie Archiviato il 14 ottobre 2014 in Internet Archive.
  44. ^ https://www.pinterest.com/pin/470907704762247534/
  45. ^ Photo from State visit of Swedish Royal Family in Iceland, su cdn.theroyalforums.com, Seegers Press. URL consultato il 19 agosto 2012.
  46. ^ (IS) Order of the Falcon, search form, su falkadb.forseti.is. URL consultato il 19 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 28 maggio 2013).
  47. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  48. ^ State visit of Latvia in Sweden (2005), Gala dinner, Group photo
  49. ^ https://www.vestnesis.lv/op/2014/61.18/
  50. ^ Lietuvos Respublikos Prezidentė - Search form on Lithuanian presidency website
  51. ^ http://c8.alamy.com/comp/D3JT3X/dpa-front-from-l-queen-silvia-and-king-carl-xvi-gustaf-of-sweden-queen-D3JT3X.jpg
  52. ^ (SV) Galamiddag på Kungliga slottet 15/04/2008, su kungahuset.se, Swedish Royal website. URL consultato il 19 agosto 2012.
  53. ^ (FR) Visite d´Etat en Suède 15/04/2008, su monarchie.lu, Cour Grand - Ducale de Luxembourg. URL consultato il 19 agosto 2012.
  54. ^ State visit of Grand-Dukes of Luxembourg in Sweden, su turboimagehost.com, AMP Picture. URL consultato il 19 agosto 2012.
  55. ^ gala dinner on 15/04/2008, su forumforfree.com. URL consultato il 19 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2014).
  56. ^ State Visit of Malaysian King in Sweden, 2005, King Carl XVI Gustav with order sash, close details
  57. ^ State Visit of Malaysian King in Sweden, 2005, King Carl XVI Gustav & Queen Silvia during gala dinner
  58. ^ Carl XVI Gustaf in the background wearing the Grand Collar insignia, su pinterest.com.
  59. ^ https://www.pinterest.com/pin/470907704762221267/
  60. ^ https://www.pinterest.com/pin/470907704762221232/
  61. ^ Harald V's 70th Birthday, group photo of european sovereigns and presidents
  62. ^ Elenco degli insigniti, su kongehuset.no.
  63. ^ http://c8.alamy.com/comp/D4KB8H/swedish-king-carl-xvi-gustaf-r-and-dutch-queen-beatrix-attend-a-welcome-D4KB8H.jpg
  64. ^ https://www.pinterest.com/pin/555913147731244264/
  65. ^ (FR) Dîner de gala en l'honneur des souverains suédois, su noblesseetroyautes.com, Noblesse et Royautés, 22 aprile 2009. URL consultato il 19 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 20 dicembre 2012).
  66. ^ Portuguese Presidency Website, Orders search form : type "REI Carlos XVI" in "nome", then click "Pesquisar"
  67. ^ https://www.pinterest.com/pin/470907704763103757/
  68. ^ Portuguese Presidency, King Carl XVI receives the Grand Collar of the Order of Saint James of the Sword and Queen Silvia receives the Grand Cross of the Order of Prince Henry : Photo.
  69. ^ Gala dinner during the state visit of Greek President Karolos Papoulias (21/05/2008)
  70. ^ a b Pinterest, Carl XVI Gustaf wearing the Order of the Garter Grand Cross and the Royal Victorian Chain
  71. ^ http://carolathhabsburg.tumblr.com/image/64387659755
  72. ^ HL Deb, British honours and orders of Chivalry held by overseas heads of state, in Hansard, vol. 505, 14 marzo 1999. URL consultato il 18 luglio 2013.
  73. ^ State visit of President Johannes Rau in Sweden in 2003, su theroyalforums.com. URL consultato il 19 agosto 2012.
  74. ^ King's photo, su cdn.theroyalforums.com. URL consultato il 19 agosto 2012.
  75. ^ Tabella degli insigniti (XLS), su canord.presidency.ro.
  76. ^ http://www.kungahuset.se/royalcourt/royalfamily/latestnews/2008/2008/statevisitfromromania.5.edea36911759ad82de80006592.html
  77. ^ Recipients of Order of the Star of Romania (XLS), su canord.presidency.ro. URL consultato il 19 agosto 2012.
  78. ^ Slovak republic website, State honours Archiviato il 13 aprile 2016 in Internet Archive. : 1st Class received in 2002 (click on "Holders of the Order of the 1st Class White Double Cross" to see the holders' table)
  79. ^ Bollettino Ufficiale di Stato (PDF), su boe.es.
  80. ^ a b Pinterest, Carl XVI Gustaf wearing the Order of the Golden Fleece Collar and the Star of Grand Cross w Collar of the order of Charles III
  81. ^ Bollettino Ufficiale di Stato (PDF), su boe.es.
  82. ^ Elenco dei premiati dell'anno 1997.
  83. ^ 1997 National Orders awards, su info.gov.za. URL consultato il 19 agosto 2012.
  84. ^ http://scanpix.no/spWebApp/preview.action?search.offset=53&search.rid=174976&search.rbase=SF_03&search.searchString=&search.showNumResults=101&search.searchId=364647654&search.previewNumResults=121&search.rbase=SF_03&search.tabId=editorialInternational&search.advanced.dateCreated=1999-03-17
  85. ^ https://www.thelocal.se/galleries/news/3170
  86. ^ Noblesse et Royautes Archiviato il 15 marzo 2013 in Internet Archive. (French), State visit of Turkey in Sweden, Gala dinner, March 2013
  87. ^ State visit of Sweden in Thailand, 2003, Gala dinner
  88. ^ Articolo, su kungahuset.se.

Altri progetti

[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni

[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Re di Svezia Successore
Gustavo VI Adolfo dal 1973 In carica
Controllo di autoritàVIAF (EN66442200 · ISNI (EN0000 0000 7860 7524 · SBN VEAV069549 · LCCN (ENn79043923 · GND (DE119168014