Re Carlo gela Andrea: "È finita, non sarai mai più un reale a pieno titolo". Il principe in lacrime - la Repubblica

Esteri

Ultim'ora

Travolto e ucciso da un'auto pirata nel Piacentino. Lo trova agonizzante una passante sul ciglio della strada: “Sono stato investito” 

Re Carlo gela Andrea: "È finita, non sarai mai più un reale a pieno titolo". Il principe in lacrime

Re Carlo gela Andrea: "È finita, non sarai mai più un reale a pieno titolo". Il principe in lacrime
(reuters)
Le rivelazioni del Mail on Sunday sul drammatico faccia a faccia tra i due fratelli pochi giorni prima della morte della regina Elisabetta
2 minuti di lettura

LONDRA - Il principe Andrea è “distrutto”, “a pezzi”, “si teme per la sua salute” e addirittura “ha pianto” quando suo fratello maggiore, re Carlo III, gli ha detto chiaramente “Andrea, basta: è finita". Perché l'inappellabile decisione del nuovo monarca sarebbe stata oramai presa: il famigerato duca di York, coinvolto nello scandalo sessuale e pedofilo di Jeffrey Epstein, non potrà mai più tornare in prima linea nella Royal Family, né riacquisirà lo status di membro a tempo pieno e tantomeno i titoli reali strappatigli dalla madre due anni fa dopo le accuse di stupro nei confronti dell’allora minorenne Virginia Roberts Giuffre, schiava sessuale di Epstein.

A raccontare il drammatico retroscena è il Mail on Sunday, a firma della vicedirettrice Kate Mansey. Alla quale una fonte, probabilmente vicina al 62enne Andrea, ha rivelato un sensazionale dietro le quinte dei Windsor che sarebbe accaduto qualche settimana fa. Roba da far impallidire la finzione di “The Crown”. Dunque: pochi giorni prima della morte della regina l’8 settembre scorso nella tenuta scozzese di Balmoral, di buon mattino Carlo e Andrea si sarebbero incontrati proprio lì. Il duca di York per mesi ha fatto pressioni per tornare in sella, ribadendo di aver pagato per lo scandalo (al di là dei 13 milioni di euro per il patteggiamento con Virginia Roberts) e che l’ostracismo nei suoi confronti era oramai ingiusto.

Ma, fino a qualche tempo fa, Andrea aveva un grande alleato in famiglia: la regina Elisabetta. Che lo ha sempre considerato il figlio preferito e difatti, lo scorso marzo, la Queen gli aveva permesso addirittura di accompagnarla sottobraccio in chiesa, a Westminster Abbey, nonostante la vergogna mondiale che aveva scatenato il suo terzogenito. All’esterno, era sembrata una mezza e clamorosa riabilitazione di Andrea. Quindi il duca di York si era illuso che ci fosse uno spiraglio per essere riammesso definitivamente in famiglia e poter reclamare di nuovo un ruolo di primo piano, titoli militari e divisa. 

Pure illusioni. Perché non solo Elisabetta, nonostante tutto il bene che provava per Andrea, “cambiava sempre argomento quando nei mesi scorsi il figlio, durante le loro conversazioni, cercava di spostare il dialogo sulla sua riabilitazione pubblica”, racconta un’altra fonte al Mail on Sunday. Ma poi, quando la Corona è passata al 73enne Carlo, ogni piccola speranza del duca di York è stata definitivamente bruciata.

Il nuovo monarca, infatti, sa che il momento è complicato per i Windsor dopo la morte della Queen e non vuole alcuna macchia sulla famiglia reale. Sempre secondo il racconto del Mail on Sunday, avrebbe convocato dunque Andrea. E Carlo è stato di una brutale franchezza: “Andrea, è finita: non tornerai mai più un reale a pieno titolo”, gli ha comunicato. E ancora: "Puoi continuare a fare una bella vita in ogni caso. Ma non riavrai mai più il tuo ruolo pubblico in famiglia. Devi accettarlo”. 

Al duca di York sarebbe dunque crollato il mondo addosso: “È devastato”, racconta sempre una fonte al settimanale inglese, “è a pezzi”, “sotto shock”, “si teme per la sua salute” e addirittura “ha pianto” quando Carlo gli ha comunicato che non avrebbe potuto indossare la divisa nemmeno al funerale della madre Elisabetta, come poi è difatti accaduto, con lo stesso trattamento riservato al ribelle principe Harry. Un altro Royal insider spiega che Andrea “sarebbe incredulo del trattamento riservatogli” dal fratello, e mancherà anche alla cerimonia per i caduti in guerra domenica prossima al Cenotaph, sul vialone di Whitehall a Londra. Insomma, per Andrea, questa pare essere davvero "the end”.