Lea Michele

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lea Michele
Lea Michele L'Oreal Paris.png
Lea Michele nel 2014
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenerePop
Pop rock
Power pop
Broadway
Opera lirica
Periodo di attività musicale1996 – in attività
Strumentovoce
EtichettaColumbia Records
Album pubblicati6
Studio4
Colonne sonore2
Sito ufficiale

Lea Michele Sarfati, nota professionalmente come Lea Michele (New York, 29 agosto 1986), è un'attrice, cantante e scrittrice statunitense, conosciuta per il ruolo di Rachel Berry nella serie televisiva Glee, di Elise in Capodanno a New York e di Hester Ulrich in Scream Queens.

Grazie a Glee ha vinto sia uno Screen Actors Guild Award che un Satellite Award ed è stata candidata a due Golden Globe e un Emmy Award.[1][2] Successivamente ha dato voce al personaggio di Dorothy ne Il magico mondo di Oz e recitato nelle serie televisive Scream Queens (2015-2016) e The Mayor (2017-2018), ottenendo successo soprattutto negli Stati Uniti.[3][4]

Sin dagli inizi della sua carriera ha recitato nei teatri di Broadway e Los Angeles, prendendo parte alle rappresentazioni di Les Misérables, Ragtime, Spring Awakening e Fiddler on the Roof.[5] Dopo dieci anni di assenza è tornata nel 2019 a teatro nel musical Disney The Little Mermaid, grazie a cui ottenuto una nomination ai Drama Desk Award e vinto tre Broadway Audience Awards.[6]

Oltre a proseguire la carriera da attrice, ha intrapreso la carriera come cantante, inizialmente grazie ai dischi pubblicati con il cast di Glee, che hanno venduto 66 milioni di copie tra album e singoli in tutto il mondo.[7] Con la Columbia Records ha prodotto il suo album di esordio Louder, pubblicato il 4 marzo 2014. Nel 2017 pubblica il secondo album Places e nel 2019 l'album natalizio Christmas in the City. L'artista ha ottenuto una candidatura al Grammy Award alla miglior interpretazione vocale di gruppo per la cover di Don't Stop Believin' ed è stata riconosciuta nell'ambito dei Billboard Women in Music Award del 2010.[8][9]

Nel 2010 la rivista Time ha inserito Lea Michele tra le 100 persone più influenti al mondo.[10]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Lea Michele nasce nel Bronx, borough di New York, il 29 agosto del 1986, figlia unica di Mark D. Sarfati, un agente immobiliare statunitense,[11] in passato proprietario di un negozio di delicatessen,[12][13] nato da una famiglia ebraica sefardita di origini turche e spagnole,[14][15][16] e di Edith T. Sarfati, un'infermiera statunitense di religione cattolica e di origini italiane. Lea è stata educata secondo il credo della madre, dichiarando che anche il padre prendeva parte "volentieri", assieme a lei e alla madre, alle loro uscite in chiesa.[17]

Ha vissuto a New York fino all'età di quattro anni, dopodiché si è trasferita con la famiglia a Tenafly (nel New Jersey). Ha frequentato il Stagedoor Manor nel Catskills, un centro di formazione per le arti. È stata poi accettata alla Tish School of the Arts, presso la New York University, ma ha scelto di continuare a esibirsi sul palcoscenico.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

1995-2008: Il debutto a Broadway[modifica | modifica wikitesto]

Lea Michele nel 2008

Ha esordito a Broadway nel 1995, a soli otto anni, interpretando la giovane Cosette nel musical Les Misérables.[18] Sempre a Broadway, nel 1998 lavora nel musical Ragtime.[19] Nel 2000 esordisce in televisione, partecipando all'episodio Torna la primavera della serie televisiva Squadra emergenza. Nel 2004 partecipa a una rivisitazione del musical Fiddler on the Roof e prende parte a una produzione a livello regionale di The Diary of Anne Frank nel ruolo della protagonista Anna Frank.[20]

Nel 2006 ottiene il ruolo principale di Wendla ed entra a far parte del cast originale di Spring Awakening, scritto da Steven Sater su musiche di Duncan Sheik.[21] Per la sua interpretazione ottiene una candidatura al Drama Desk Award come miglior attrice di musical.[22] Due anni dopo ha debuttato con il suo cabaret da solista Once Upon a Dream al Feinstein's at the Loews Regency.[23] Nel maggio 2008, Michele ha lasciato il cast di Broadway di Spring Awakening, accettando il ruolo di Claudia Octavia nel nuovo musical di Sheik e Sater, Nero, nel luglio 2008 al Vassar College.[24] Nell'agosto 2008, ha interpretato Éponine nel concerto di Les Misérables all'Hollywood Bowl, diretto da Richard Jay-Alexander.[25] Il mese successivo, ha eseguito al beneficio Broadway Chance Style: Up Close & Personal insieme a star come Laura Bell Bundy, Eden Espinosa e Kristoffer Cusick.[26]

2009-2014: Il successo son Glee e il primo album Louder[modifica | modifica wikitesto]

Lea Michele ai People's Choice Award del 2012

Nel 2009 viene ingaggiata per far parte del cast della serie televisiva scritta da Ryan Murphy, Glee, in cui interpreta la talentuosa cantante Rachel Berry, sino alla chiusura della serie nel 2015.[27] La serie televisiva riscontra ampio successo a livello internazionale,[28] e la performance della Michele viene riconosciuta con numerosi premi e riconoscimenti, tra cui Satellite Awards,[29] uno Screen Actors Guild Award,[30] tre People Choice Awards,[31] e quattro Teen Choice Award.[32] L'attrice viene inoltre nominata ai Golden Globe come miglior attrice in una serie commedia o musicale,[1] ai Premi Emmy come miglior attrice in una serie commedia o musicale.[2]

Dalla serie televisiva vengono pubblicati numerosi album delle cover interpretate nel corso della serie, determinando il record del maggior numero di ingrassi nella Billboard Hot 100 (205) nella storia della classifica.[33] Il successo fu tale anche in Europa, dove esordirono oltre cento volte nella UK Singles Chart, vendendo globalmente oltre 43 milioni di singoli e 12 milioni di album al 2012.[34][35] La cover del singolo Don't Stop Believin', cantato dalla Michele, divenne il brano con più downaload digitali nel corso della serie, con oltre 1,4 milioni,[36] ricevendo una nomina ai Grammy Award alla miglior interpretazione vocale di gruppo.[8]

Nel maggio 2010, Michele e il cast di Glee hanno intrapreso un tour musicale negli Stati Uniti, suonando 10 spettacoli a Phoenix, Los Angeles, Chicago e New York.[37] Il tour Glee Live! In Concert! si è poi espanso un anno dopo per includere 22 spettacoli in tutto il Nord America e 9 spettacoli in Regno Unito e I Irlanda.[38] Nell'ottobre 2010, Michele e l'attore Matthew Morrisonsi sono esibiti al 35 ° anniversario concerto di beneficenza di The Rocky Horror Picture Show. Nel febbraio 2011, Michele eseguito presso la National Academy of Recording Arts and Sciences un concerto in onore di Barbra Streisand. Prima del Super Bowl XLV, Michele ha eseguito l'inno statunitense, America the Beautiful.[39]

Dopo aver firmato un contratto discografico con la Columbia Records nel 2012, incomincia a lavorare al suo primo album.[40] Il 10 dicembre 2013 è stato distribuito il suo primo singolo, Cannonball, scritto da Sia, che anticipa il suo album d'esordio Louder,[41] pubblicato l'anno successivo, il 4 marzo 2014. L'album debutta alla quarta posizione della classifica statunitense,[42] australiana e canadese,[43] ed esordendo nella principali classifiche europee, tra cui all'ottava posizione della classifica italiana.

2014-2017: La carriera televisiva con Scream Queens e il secondo album Places[modifica | modifica wikitesto]

Lea Michele con Emma Roberts alla conferenza stampa di Scream Queens

Successivamente ha dato voce al personaggio di Dorothy ne Il magico mondo di Oz,[44] nel maggio 2013, è stato annunciato che Michele aveva firmato un accordo con Harmony Books e Random House per un progetto editoriale, dal titolo Brunette Ambizioni.[45] Il libro è stato pubblicato il maggio 20, 2014, debuttando al numero nove della lista U.S. Nonfiction Best Seller una settimana dopo la sua uscita,[46] e ha fatto il suo debutto nella lista The New York Times Best Seller al numero tre.[47]

Dal 2015 al 2016, Michele ha recitato nella serie horror-commedia della Fox Scream Queens, al fianco di Jamie Lee Curtis, Emma Roberts, interpretando il ruolo dell'eccentrica Hester Ulrich.[48] È stata nominata ai People's Choice Award per come attrice favorita in una nuova serie televisiva,[49] e a due Teen Choice Award per la sua performance.[50]

Il 15 marzo 2016 è stato pubblicato come singolo di beneficenza This Is for My Girls, in cui Michele era una delle otto cantanti presenti.[51] La canzone, scritta da Diane Warren, ha beneficiato della campagna #62MillionGirls, istituita dalla First lady degli Stati Uniti Michelle Obama.[52]

Nel gennaio 2017, Michele ha cantato in tre spettacoli in un mini tour intitolato An Intimate Evening with Lea Michele, per sostenere il suo secondo album in studio, Places.[53] Il singolo principale del secondo album, Love Is Alive, è stato pubblicato il 3 marzo 2017,[54] proseguendo il tour con ulteriori spettacoli nel Regno Unito e in Nord America tra aprile e maggio.[55] Places è stato pubblicato il 28 aprile 2017, e ha debuttato al numero 28 della classifica Billboard 200 con oltre 16.000 unità vendute nella sua prima settimana.[56]

Il 4 aprile 2017, Michele è apparsa nel ruolo di Amanda nel primo episodio della serie antologica di fantascienza Dimension 404 di Hulu, accanto a Robert Buckley e Joel McHale.[57] Successivamente ha interpretato la consigliera politica Valentina Barella nella sitcom della ABC The Mayor, creata da Jeremy Bronson e prodotta esecutivamente da Daveed Diggs, recitando accanto a Brandon Micheal Hall e Yvette Nicole Brown.[58]

2018-presente: Recitazione è gli album Christmas in the City e Forever[modifica | modifica wikitesto]

Lea Michele ai Grammy Award del 2018

Nell'aprile 2018, è stato annunciato che Michele si sarebbe avventurata in un tour co-headliner con Darren Criss.[59] Il LM/DC Tour ha incluso spettacoli in diverse città del Nord America, Regno Unito e in Irlanda.[60]

Nel maggio 2019, è stato annunciato che Michele condurrà una serie digitale di salute e benessere per l'Ellen DeGeneres Network, intitolata Well, Well, Well with Lea Michele.[61] Nel corso dell'anno ha preso parte al musical Disney, The Little Mermaid, recitando al fianco di Queen Latifah, grazie a cui ottenuto una nomination ai Drama Desk Award e vinto tre Broadway Audience Awards.[6]

Il terzo album in studio di musica natalizia di Michele, Christmas in the City, è stato pubblicato il 25 ottobre 2019. In promozione all'album ha recitato come protagonista in un film televisivo natalizio, Same Time, Next Christmas, per la ABC, in cui appare il singolo It's the Most Wonderful Time of the Year.[62] Il brano originale, Christmas in New York, è stato pubblicato come secondo singolo dell'album il 19 novembre 2019.[63] A partire dal 19 dicembre 2019, Lea Michele si è esibita dal vivo con una serie di spettacoli nella The Concert Hall della New York Society for Ethical Culture.[64]

Nell'ottobre 2021 annuncia la pubblicazione dell'album di cover, Forever: A Lullaby Album, reso disponibile il 5 novembre 2021.[65]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nel tardo 2011 ufficializza la relazione con la co-star di Glee Cory Monteith,[66] la coppia è rimasta fidanzata fino alla morte prematura dell'attore, avvenuta il 13 luglio 2013, poco dopo aver comunicato alla stampa il desiderio di sposarsi a breve.[67]

Nel 2014 ha avuto una storia con il modello Matthew Paetz, conosciuto sul set del video musicale del singolo On My Way.[68] La storia si è conclusa nel 2016. Ha inoltre avuto una breve storia con l'attore Robert Buckley, conosciuto sul set della serie televisiva Dimension 404, da maggio a luglio 2016.[69]

Nell'autunno del 2016 incomincia una storia con l’imprenditore Zandy Reich. Nell'agosto del 2018 i due si fidanzano ufficialmente.[70] Il 9 marzo del 2019 si sposano a Napa, in California.[71] Il 20 agosto 2020 è nato il loro primo figlio, Ever Leo.[72]

Filantropia e controversie[modifica | modifica wikitesto]

Lea Michele alla presentazione dei Time 100 della rivista Time

Nel 2010 la rivista Time ha inserito Lea Michele tra le 100 persone più influenti al mondo, affermando:[10]

«Nei panni di Rachel Berry nella serie televisiva di successo Glee, sta ispirando i giovani a partecipare a programmi musicali nelle scuole e incoraggiando le comunità a finanziarli. [...] Lea, 24 anni, è saggia, perspicace e bella, una cantante-attrice-ballerina-comica estremamente dotata, con un'intonazione perfetta (mi piace!). È ben preparata per la superstar in un ruolo che è fatto su misura per lei in uno show creativo e originale»

Diritti umani e sostegno alla comunità LGBT[modifica | modifica wikitesto]

Michele si è spesso esposta a favore del sostegno degli orfani e della scolarizzazione. Nel 2008, Michele si è esibita in un concerto di beneficenza di Alive in the World per aiutare l'associazione Twin Towers Orphan Fund, in sostegno degli orfani dopo gli attentati dell'11 settembre 2001.[73] Il 1º maggio 2019, Michele si è unita all'ex First lady Michelle Obama al Reach Higher's 2019 College Signing Day, per incentivare agli studenti di proseguire gli studi dopo high school e iscriversi al college o all'università.[74]

Nel giugno 2013, ha presentato il lancio di alcuni prodotti pensati dalla stessa Michelle per l'associazione Feed America, distribuita nei negozi Target, il cui ricavato viene devoluto per l'approvvigionamento di cibo nelle comunità più povere degli Stati Uniti.[75] Nel dicembre 2013 dello stesso anno stata la promotrice della raccolta fondi Lea Michele's Night of Shopping and Cocktails, presentata da SodaStream e Hilary Duff, che ha beneficiato Chrysalis, un'organizzazione no-profit che aiuta i senzatetto a trovare lavoro.[76] Sempre per Feed America, nel novembre 2017, Michele ha collaborato con EBay per disegnare una spilla a beneficio dell'associazione; ha anche messo all'asta una visita sul set di uno dei suoi progetti nel 2018.[77]

Michele è stata ambasciatrice del programma Women of Worth di L'Oréal nel 2012, celebrando le donne che hanno avuto un impatto positivo sulle loro comunità, in sostegno dei diritti delle donne.[78] Nel 2016 ha partecipato al brano This Is for My Girls, al fianco di Kelly Rowland, Janelle Monáe, Kelly Clarkson, Missy Elliott, Chloe x Halle e Zendaya.[51] La canzone, scritta da Diane Warren, ha beneficiato della campagna #62MillionGirls, istituita dalla First lady degli Stati Uniti Michelle Obama.[52]

L'artista sostiene i diritti della comunità LGBT, esibendosi in numerose manifestazioni, tra cui alla cena della Human Rights Campaign nel novembre 2009 e alla True Colors Cabare del 2010.[79][80] Nel giugno 2016, la Human Rights Campaign ha pubblicato un video in omaggio alle vittime della strage di Orlando del 2016, raccontando le storie delle persone uccise in quei luoghi assieme, attraverso le voci di alcune celebrità tra cui Michele, Lady Gaga, Emma Roberts, Demi Lovato, Sofía Vergara e Jane Fonda.[81]

Animalismo e attivismo contro il cambiamento climatico[modifica | modifica wikitesto]

Michele è stata attiva nella campagna per i diritti degli animali del 2008, apparendo nella campagna pubblicitaria per PETA.[82] Negli anni successivi l'artista è apparsa in altre campagne dell'associazione, schierandosi contro l'abbandono degli animali domestici e lo sfruttamento animali da pelliccia.[83] Nel 2010 l'associazione ha premiato la cantante per il suo sostegno nel sensibilizzare le persone.[84]

Nel luglio 2012, Michele ha ospitato il lancio del Valspar Hands for Habitat, asta di beneficenza a beneficio dei programmi di risposta ai cambiamenti climatici di Habitat for Humanity.[85]

Nel febbraio 2016, è stato annunciato che Michele avrebbe collaborato con l'associazione Burt's Bees in una campagna per agire sulla diminuzione della popolazione di api.[86]

Sostegno alla ricerca per le malattie[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di aprile 2012, Michele si è esibita per la raccolta fondi della Fondazione Jonsson Cancer Center, presso il centro di ricerca dell'Università della California a Los Angeles.[87] Michele si è esibita anche nel 2014, assieme a Darren Criss.[88]

Nell'ottobre 2014, ha collaborato con Evian per incoraggiare le donne ad eseguire i propri esami del seno nel tentativo di aumentare la consapevolezza della diagnosi precoce del cancro al seno.[89]

Il 24 novembre 2019 ha visitato i bambini malati terminali al Children's Health Care di Atlanta.[90]

Accuse di razzismo e bullismo[modifica | modifica wikitesto]

A giugno 2020, a seguito di un tweet da parte della Michele, in cui esprimeva solidarietà per la morte di George Floyd corredato dallʼhashtag #BlackLivesMatter, diverse sono state le accuse di razzismo e bullismo lanciate nei suoi confronti da alcuni ex colleghi, tra cui Samantha Ware.[91] Il risultato di questo clamore su Twitter ha portato una delle aziende con cui l’attrice collaborava, HelloFresh, a rescindere il contratto e ha spinto l'attrice a cancellare il suo account twitter.[92]

Un ex collega della Michelle, Gerard Canonico, ha fomentato le accuse, scrivendo che l'attrice avesse comportamenti poco rispettosi nei confronti dei colleghi durante gli spettacoli a Broadway. Sebbene l'intero cast di Glee non sia inizialmente intervenuto nella vicenda, l'attrice Heather Morris, che ricopriva il ruolo di Brittany in Glee, ha riportato:[93]

«Voglio essere molto chiara, l’odio in America è una malattia che stiamo cercando di curare, quindi non desidero che l’odio sia sparso verso nessun altro. Detto questo, era poco piacevole lavorare con lei? Sì; Lea dovrebbe essere richiamata per il trattamento poco rispettoso che ha riservato agli altri per tanto tempo. Ma è anche colpa nostra perché abbiamo permesso di portarlo avanti nel tempo senza parlarne e adesso stiamo imparando a farlo. Ma, nel momento attuale, è stato sottinteso che è una razzista e nonostante io non possa commentare sulle sue convinzioni, penso che stiamo solo presumendo qualcosa che non è visto l'impegno umanitario di questi anni»

Infine anche Amber Riley, Mercedes in Glee, ha speso qualche parola sulla vicenda. In un’intervista online su Real Quick con Danielle Young, l’attrice afroamericana stava discutendo di razzismo e di attivismo. Alla domanda sulla vicenda di Lea Michele ha affermato:[94]

«Voglio dire che sono orgogliosa di Samantha Ware per non aver avuto paura di dire la sua. Quello che voglio dire è che non dirò che Lea Michele è razzista. Questa è stata la supposizione per quello che sta accadendo adesso nel mondo, e quello che è accaduto alle persone nere. Non dirò che è razzista. Tra l’altro è anche incinta, e sarà una madre che diffonderà amore e rispetto ai propri figli. Penso che tutti si devono dare una calmata, l’avete attaccata per diversi giorni ormai»

L’attrice ha poi deciso di rispondere alle accuse con un post su Instagram in cui spiegava di non ricordare esattamente cosa avesse detto alla sua co-star nera, afferma anche che adesso si sta concentrando su come le sue parole siano state concepite dai suoi colleghi e promette di essere migliore in futuro grazie a questa esperienza.[95]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Lea Michele (al centro) con il cast di Glee

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Lea Michele.

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Tournée[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Lea Michele è stata doppiata da:

  • Domitilla D'Amico in Squadra emergenza, Glee, Glee: The 3D Concert Movie, Capodanno a New York, Sons of Anarchy, Scream Queens, Natale alle Hawaii

Come doppiatrice, viene sostituita da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Golden Globe: Lea Michele, su www.goldenglobes.com. URL consultato il 9 agosto 2021.
  2. ^ a b (EN) Emmy Awards: Lea Michele, su Television Academy. URL consultato il 9 agosto 2021.
  3. ^ (EN) Lea Michele and Emma Roberts enjoy emotional 'Scream Queens' reunion: 'Feels so good I could cry', su EW.com. URL consultato il 9 agosto 2021.
  4. ^ (EN) Chris Eggertsen, Chris Eggertsen, Lea Michele Opens Up About Leaving the Ryan Murphy Nest for ABC’s ‘The Mayor’, su The Hollywood Reporter, 5 settembre 2017. URL consultato il 9 agosto 2021.
  5. ^ (EN) Lea Michele Theatre Credits, News, Bio and Photos, su www.broadwayworld.com. URL consultato il 9 agosto 2021.
  6. ^ a b (EN) A. B. C. News, Lea Michele to star in a live version of Disney's 'The Little Mermaid', su ABC News. URL consultato il 9 agosto 2021.
  7. ^ (EN) What's Up, Lea Michele? All About Glee, Newfound Fame and (Sigh!) Jonathan Groff, su Broadway.com. URL consultato il 9 agosto 2021.
  8. ^ a b (EN) Lea Michele, su GRAMMY.com, 23 novembre 2020. URL consultato il 9 agosto 2021.
  9. ^ Lea Michele to Receive Billboard's First-Ever Triple Threat Award At Women in Music, su Billboard. URL consultato il 14 dicembre 2019.
  10. ^ a b Lea Michele - The 2010 TIME 100 - TIME, su web.archive.org, 28 maggio 2011. URL consultato il 9 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 28 maggio 2011).
  11. ^ Lea Michele, Brunette Ambition, Crown Archetype, 13 maggio 2014, ISBN 978-0-8041-3907-6. URL consultato il 12 maggio 2014.
  12. ^ Lea Michele: Biography, su TV Guide. URL consultato il 10 dicembre 2010.
  13. ^ Sarah Tieck, Lea Michele, ABDO, 2011, ISBN 978-1-61758-984-3.
  14. ^ Jada Yuan, Choir Girl, su New York Magazine, 23 agosto 2009. URL consultato il 1º novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 19 novembre 2018).
  15. ^ Albert Sarfati in household of Yontov Sarfati, "United States Census, 1940", su familysearch.org, FamilySearch.---> Yontov Sarfati, "United States Census, 1940", su familysearch.org, FamilySearch.
  16. ^ Celia Sarfati in household of Yontov Sarfati, "United States Census, 1940", su familysearch.org, FamilySearch.--->
  17. ^ Stated on Inside the Actors Studio, 2012. Starting at the 9:40 mark https://www.youtube.com/watch?v=xyfCHFy8r-k
  18. ^ (EN) Condé Nast, High School Musical: Glee's Lea Michele, su Teen Vogue, 12 ottobre 2009. URL consultato il 9 agosto 2021.
  19. ^ Entire Toronto Ragtime Cast Headed for B'way - Playbill.com, su web.archive.org, 24 maggio 2013. URL consultato il 9 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 24 maggio 2013).
  20. ^ Not Your Zayde's Fiddler on the Roof: Leveaux's Fresh Revival Opens on Broadway Feb. 26 - Playbill.com, su web.archive.org, 23 maggio 2013. URL consultato il 9 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 23 maggio 2013).
  21. ^ (EN) 161385360554578, Lea Michele’s former Spring Awakening costar claims her ‘apology’ for ‘bullying’ just ‘placed the blame on others’, su The US Sun, 3 giugno 2020. URL consultato il 9 agosto 2021.
  22. ^ (EN) Drama Desk Awards | Lea Michele., su Drama Desk Awards. URL consultato il 9 agosto 2021.
  23. ^ (EN) Spring Awakening Star Lea Michele to Play Feinstein's April 7, su Broadway.com. URL consultato il 9 agosto 2021.
  24. ^ Arden, Carlson, Menzel, Michele, Robbins, et al. Set for Sater and Sheik's Nero: Theater News on TheaterMania.com, su web.archive.org, 15 ottobre 2008. URL consultato il 9 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 15 ottobre 2008).
  25. ^ (EN) LES MISÉRABLES IN CONCERT FEATURES ALL-STAR CAST AT THE HOLLYWOOD BOWL, su Hollywood Bowl. URL consultato il 9 agosto 2021.
  26. ^ Broadway Chance Style Benefit, with Bundy, Michele, Espinosa, Cusick, Presented Sept. 27 - Playbill.com, su web.archive.org, 22 ottobre 2012. URL consultato il 9 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2012).
  27. ^ (EN) Nellie Andreeva,AP, Nellie Andreeva, AP, Fox’s ‘Glee’ casts Broadway pair, su The Hollywood Reporter, 4 settembre 2008. URL consultato il 9 agosto 2021.
  28. ^ (EN) Shirley Halperin, Shirley Halperin, The Business of ‘Glee’, su The Hollywood Reporter, 25 gennaio 2011. URL consultato il 9 agosto 2021.
  29. ^ (EN) 2009 Satellite Awards nominees: Off-beat or Oscar predictor?, su LA Times Blogs - Awards Tracker, 30 novembre 2009. URL consultato il 9 agosto 2021.
  30. ^ (EN) 16th Annual Screen Actors Guild Awards scorecard, su LA Times Blogs - Awards Tracker, 23 gennaio 2010. URL consultato il 9 agosto 2021.
  31. ^ (EN) Ann Oldenburg, People's Choice Awards 2014 nominations are out, su USA TODAY. URL consultato il 9 agosto 2021.
  32. ^ (EN) Lesley Goldberg, Lesley Goldberg, ‘Glee’s’ Lea Michele Dedicates Teen Choice Win to Cory Monteith (Video), su The Hollywood Reporter, 11 agosto 2013. URL consultato il 9 agosto 2021.
  33. ^ (EN) Hugh McIntyre, 'Glee' Has More Chart Hits Than Anyone Else In History, su Forbes. URL consultato il 9 agosto 2021.
  34. ^ (EN) Glee’s Official Top 10 Biggest Selling Singles revealed!, su www.officialcharts.com. URL consultato il 9 agosto 2021.
  35. ^ (EN) Glee Cast Breaks Own Record With 200 Entries on Billboard Hot 100, su www.sony.com. URL consultato il 9 agosto 2021.
  36. ^ (EN) 'Glee' Cast's 10 Best-Selling Downloads, su Billboard. URL consultato il 9 agosto 2021.
  37. ^ For 'Glee' fans, the Journey is worth it for launch of live tour - USATODAY.com, su usatoday30.usatoday.com. URL consultato il 9 agosto 2021.
  38. ^ (EN) Archive-Aimee-Curran, 'Glee' Cast Brings More Than Mere Covers To L.A. Tour Stop, su MTV News. URL consultato il 9 agosto 2021.
  39. ^ (EN) Rolling Stone, Rolling Stone, Prince, Jeff Beck and Stevie Wonder at the MusicCares Person of the Year Tribute, su Rolling Stone, 12 febbraio 2011. URL consultato il 9 agosto 2021.
  40. ^ Lea Michele Tweets Excitement About Starting Work on Her Debut Solo Album, su E! Online, 23 ottobre 2012. URL consultato il 9 agosto 2021.
  41. ^ Lea Michele: Cannonball anticipa l'uscita di Louder il suo nuovo album, su allmusicnews.altervista.org. URL consultato il 30 novembre 2013.
  42. ^ (EN) Rick Ross Rules With Fifth No. 1 Album On Billboard 200, su Billboard. URL consultato il 9 agosto 2021.
  43. ^ Canadian Chart History: Lea Michele, su Billboard. URL consultato il 9 agosto 2021.
  44. ^ (EN) Dave McNary, Dave McNary, Lea Michele heads to ‘Oz’, su Variety, 11 giugno 2010. URL consultato il 9 agosto 2021.
  45. ^ (EN) Lesley Goldberg, Lesley Goldberg, ‘Glee’s’ Lea Michele to Write Her First Book, su The Hollywood Reporter, 23 maggio 2013. URL consultato il 9 agosto 2021.
  46. ^ (EN) Reuters Staff, Emily Giffin topples James Patterson from top of best-sellers list, in Reuters, 29 maggio 2014. URL consultato il 9 agosto 2021.
  47. ^ (EN) Advice, How-To & Miscellaneous Books - Best Sellers - Books - June 8, 2014 - The New York Times, in The New York Times. URL consultato il 9 agosto 2021.
  48. ^ (EN) Lesley Goldberg, Lesley Goldberg, Lea Michele, Joe Manganiello, More Join Ryan Murphy’s ‘Scream Queens’, su The Hollywood Reporter, 17 gennaio 2015. URL consultato il 9 agosto 2021.
  49. ^ People's Choice Awards, su E! Online. URL consultato il 9 agosto 2021.
  50. ^ Teen Choice Awards 2016 Nominations Announced: See the "First Wave" of Potential Winners, su E! Online, 24 maggio 2016. URL consultato il 9 agosto 2021.
  51. ^ a b Rockol com s.r.l, √ Michelle Obama pubblica 'This is for my girls', una canzone a sostegno dell'educazione femminile incisa con Kelly Rowland, Janelle Monaé e altre, su Rockol. URL consultato il 9 agosto 2021.
  52. ^ a b (EN) Michelle Obama Taps Missy Elliott, Zendaya, Kelly Rowland, Kelly Clarkson, Janelle Monae & More on 'This Is for My Girls', su Billboard. URL consultato il 9 agosto 2021.
  53. ^ Lea Michele To Preview New LP With A Mini Tour, su idolator, 11 gennaio 2017. URL consultato il 9 agosto 2021.
  54. ^ (EN) Lea Michele's New Single 'Love Is Alive': First Listen, su PEOPLE.com. URL consultato il 9 agosto 2021.
  55. ^ (EN) Robert Viagas, Lea Michele’s New Solo Recording, Places, Now Available for Pre-Order, su Playbill, Fri Mar 17 15:10:22 EDT 2017. URL consultato il 9 agosto 2021.
  56. ^ (EN) Billboard 200 Chart Moves: John Mellencamp Earns 19th Top 40 Album With 'Sad Clowns & Hillbillies', su Billboard. URL consultato il 9 agosto 2021.
  57. ^ (EN) Lesley Goldberg, Lesley Goldberg, Lea Michele, Robert Buckley to Star in Hulu Anthology ‘Dimension 404’, su The Hollywood Reporter, 8 giugno 2016. URL consultato il 9 agosto 2021.
  58. ^ (EN) Lesley Goldberg, Lesley Goldberg, Lea Michele Joins ABC’s Daveed Diggs Comedy, su The Hollywood Reporter, 23 febbraio 2017. URL consultato il 9 agosto 2021.
  59. ^ (EN) Kirsten Chuba, Kirsten Chuba, ‘Glee’ Alums Lea Michele and Darren Criss Announce Co-Headlining Tour, su Variety, 9 aprile 2018. URL consultato il 9 agosto 2021.
  60. ^ (EN) Jonathan Yates, Lea Michele and Darren Criss announce Manchester date on UK tour, su Manchester Evening News, 17 settembre 2018. URL consultato il 9 agosto 2021.
  61. ^ (EN) Todd Spangler, Todd Spangler, Ellen Digital Greenlights Lea Michele and Jay Shetty Projects, Renews Ashley Graham and Kristen Bell Shows, su Variety, 2 maggio 2019. URL consultato il 9 agosto 2021.
  62. ^ (EN) Sabienna Bowman, Is ABC's 'Same Time, Next Christmas' Soundtrack Available?, su www.refinery29.com. URL consultato il 9 agosto 2021.
  63. ^ (EN) Lea Michele Paints a Picture of 'Christmas in New York' With Festive New Music Video, su Billboard. URL consultato il 9 agosto 2021.
  64. ^ Dan Heching, Lea Michele performs first of three special Christmas holiday concerts, su Mail Online, 20 dicembre 2019. URL consultato il 26 dicembre 2020.
  65. ^ (EN) Tomás Mier, Lea Michele to Release Lullaby Covers Album Forever Dedicated to Son Ever: A 'Dream Come True', su PEOPLE.com. URL consultato il 3 novembre 2021.
  66. ^ Life & Style Exclusive: Glee Co-Stars Lea Michele and Cory Monteith Dating! | Life & Style Weekly, su web.archive.org, 27 settembre 2013. URL consultato il 9 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2013).
  67. ^ Lea Michele Gives Emotional Interview About Cory Monteith | Marie Claire, su web.archive.org, 27 luglio 2013. URL consultato il 9 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 27 luglio 2013).
  68. ^ Lea Michele, è addio con Matthew Paetz, su VanityFair.it, 23 febbraio 2016. URL consultato il 9 agosto 2021.
  69. ^ (EN) Lea Michele and Robert Buckley Have Split After a Few Months of Dating, su PEOPLE.com. URL consultato il 9 agosto 2021.
  70. ^ (EN) Lea Michele Is Engaged! Glee Alum Shows Off 4-Carat Diamond Ring from Boyfriend Zandy Reich, su PEOPLE.com. URL consultato il 9 agosto 2021.
  71. ^ (EN) Lea Michele and Zandy Reich Are Married — See Their First Wedding Photo!, su PEOPLE.com. URL consultato il 9 agosto 2021.
  72. ^ (EN) Lea Michele and Zandy Reich Name Their Newborn Son Ever Leo, su PEOPLE.com. URL consultato il 9 agosto 2021.
  73. ^ (EN) Adam Hetrick, Errico, Michele, Pascal and Reichard Are Alive in the World at the Zipper Jan. 13, su Playbill, Sun Jan 13 01:00:00 EST 2008. URL consultato il 9 agosto 2021.
  74. ^ (EN) Reach Higher, Conan O'Brien, Kelly Rowland, Lea Michele, Jidenna, Elizabeth Banks, Patton Oswalt, Eva Longoria, Pentatonix, Bebe Rexha, Jesse Williams, Usher, Yvonne Orji, Elaine Welteroth, La La Anthony, John Legend and Don Cheadle to join Former First Lady Michelle Obama at Reach Higher's 2019 College Signing Day, su www.prnewswire.com. URL consultato il 9 agosto 2021.
  75. ^ (EN) Exclusive! InStyle Tours Lauren Bush Lauren's FEED USA Collection for Target, su InStyle. URL consultato il 9 agosto 2021.
  76. ^ (EN) Elissa Anderson, Hilary Duff At Lea Michele's Switch Boutique Event, su Hollywood Life, 25 settembre 2020. URL consultato il 9 agosto 2021.
  77. ^ (EN) Lea Michele's Giving Tuesday Initiative with eBay and Feeding America, su InStyle. URL consultato il 9 agosto 2021.
  78. ^ (EN) Kate Schweitzer, Join Lea Michele in Supporting Women of Worth, su Marie Claire, 18 dicembre 2012. URL consultato il 9 agosto 2021.
  79. ^ Lea Michelle Performance Videos | Human Rights Campaign 2009, su web.archive.org, 27 maggio 2014. URL consultato il 9 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 27 maggio 2014).
  80. ^ (EN) Lea Michele and Jonathan Groff Reunite Onstage at True Colors Cabaret, su Broadway.com. URL consultato il 9 agosto 2021.
  81. ^ (EN) German Lopez, Watch: 49 celebrities honor the 49 victims of the Orlando shooting, su Vox, 29 giugno 2016. URL consultato il 9 agosto 2021.
  82. ^ (EN) Lea Michele for PETA, su PETA, 21 settembre 2011. URL consultato il 9 agosto 2021.
  83. ^ Lea Michele Says No to Fur in PETA Ad, su E! Online, 8 aprile 2010. URL consultato il 9 agosto 2021.
  84. ^ (EN) Lea Michele And Alec Baldwin Team Up For The Animals, su RadarOnline. URL consultato il 9 agosto 2021.
  85. ^ (EN) Valspar Corporation, Actress Lea Michele 'Lends a Hand' to Habitat for Humanity to Launch the Valspar Hands for Habitat Program, su www.prnewswire.com. URL consultato il 9 agosto 2021.
  86. ^ Lea Michele and Burt’s Bees Announce a Campaign To Save Bees – Style News - StyleWatch - People.com, su web.archive.org, 25 febbraio 2016. URL consultato il 9 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 25 febbraio 2016).
  87. ^ Web Page Under Construction, su web.archive.org, 19 ottobre 2014. URL consultato il 9 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 19 ottobre 2014).
  88. ^ (EN) Facebook, Twitter, Show more sharing options, Facebook, Twitter, LinkedIn, Darren Criss, Lea Michele perform at Taste for a Cure fundraiser, su Los Angeles Times, 26 aprile 2014. URL consultato il 9 agosto 2021.
  89. ^ Lea Michele & Evian Promote Breast Cancer Awareness | InStyle, su web.archive.org, 9 ottobre 2014. URL consultato il 9 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 9 ottobre 2014).
  90. ^ Actress/Singer Lea Michele Visits Kids at the Aflac Cancer And Blood..., su Getty Images. URL consultato il 9 agosto 2021.
  91. ^ (EN) Elizabeth Wagmeister, Elizabeth Wagmeister, ‘Glee’ Actor Samantha Ware on Why She Called Out Lea Michele (EXCLUSIVE), su Variety, 11 giugno 2020. URL consultato il 9 agosto 2021.
  92. ^ (EN) Alexis Morillo, HelloFresh Cut Ties With Lea Michele After She Was Called Out On Twitter For On-Set Microaggressions, su Delish, 3 giugno 2020. URL consultato il 9 agosto 2021.
  93. ^ (EN) Rasha Ali, 'Glee' star Heather Morris says people were 'very scared' to address Lea Michele's behavior, su USA TODAY. URL consultato il 9 agosto 2021.
  94. ^ (EN) Amber Riley weighs in on Lea Michele controversy: 'I don't give a s-. People are out here dying', su EW.com. URL consultato il 9 agosto 2021.
  95. ^ (EN) Lea Michele Apologizes After Costar Accuses Her of Making Glee a 'Living Hell': 'I Will Be Better', su PEOPLE.com. URL consultato il 9 agosto 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN70784596 · ISNI (EN0000 0001 2138 5059 · Europeana agent/base/97448 · LCCN (ENn2004081258 · GND (DE135996422 · BNF (FRcb16513793j (data) · BNE (ESXX5429731 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n2004081258